Insigne rapinato a Napoli

Pubblicato il autore: Daniela Segui

InsigneBrutto sabato sera per Lorenzo Insigne. Erano circa le 22.35 quando due delinquenti si sono avvicinati in scooter alla sua Bmw e, armati di pistola puntatagli al volto, gli hanno intimato di consegnare loro tutto ciò che possedeva. Insigne si trovava a Mergellina , in una strada centrale e in genere abbastanza trafficata soprattutto durante il week end, zona Chiaia, assieme a lui c’erano anche la moglie Jenny e alcuni amici. Così, nonostante il traffico e la presenza di altre persone in auto, la “minaccia armata” ha dato prontamente i suoi frutti: i rapinatori hanno portato via al campione un orologio Rolex, 800 euro in contanti e due bracciali con diamanti. Pare che uno dei malviventi prima di sparire tra la folla abbia urlato al calciatore “Dedicami un gol alla tua prossima partita con la Fiorentina”. Cosa che, come si può immaginare il calciatore stasera non farà… se non altro, augurerà tante altre cose e non certo piacevoli. Intanto gli allenamenti per Insigne sono proseguiti normalmente: i compagni di squadra venuti a conoscenza dell’ accaduto, hanno cercato di tirargli su il morale cercando di fargli dimenticare questa brutta esperienza. Soprattutto l’allenatore Sarri ha fatto in modo che il trauma subito dal suo campione, non si rivelasse troppo decisivo durante la partita di stasera. Intanto il Napoli questa sera con tutte le “sue stelle”, ovviamente Insigne non escluso, si prepara a affrontare la sfida con la Fiorentina, tralasciando rapine, scippi o altri spiacevoli inconvenienti. Questo fatto di cronaca, naturalmente, non ha fatto altro che gettare altro fango sulla città di Napoli. Televisioni e mass media per la maggiore non si sono concentrati sul triste episodio del calciatore, ma sulla delinquenza, micro e macro, e criminalità che infestano la prima città del sud Italia. Certo l’episodio è avvenuto proprio a nella capitale partenopea, ma questo non prova, come è stato detto, che “a Napoli si subisce una rapina ogni tot abitanti”, oppure “la criminalità infesta sempre più Napoli”. Non è sicuramente usuale che il calciatore di Frattamaggiore in un normale sabato sera con gli amici abbia subito in pieno centro una sciagura di questo genere, ma la capitale campana non è soltanto questo. Ci sono tanti fatti positivi e tanta gente per bene che abitano a Napoli, senza contare che la delinquenze, in ogni forma, si trovano anche al nord, centro o altri borghi in tutta Italia. Nel frattempo, come detto, Insigne è pronto a dimenticare la viceda e andare avanti. Certo a pochi giorni di distanza non è facile per lui, ma l’adrenalina e la voglia di vincere questa sera, sono certamente più che sufficienti per debellare la triste esperienza. Il Napoli non dimentichiamolo è stato campione d’Inverno e anche se diversi post sui social network non hanno tralasciato di commentare negativamente questa cosa, la squadra si appresta a essere tra le più forti e temute di tutto il campionato. Sicuramente, dopo tutto il clamore sollevato dal triste fatto di cronaca, a inizio partita c’è da scommetterci che ancora si faranno commenti sulla vicenda e sul come giocherà Insigne lo si attribuirà alla sua forza o meno di avere superato l’ episodio. Al momento tutta la città di Napoli si appresta a “accendere le televisioni” e punta già i riflettori sulla partita di questa sera, pronta a tifare e sostenere i suoi “eroi”. Mancano poche ore al match. Episodi spiacevoli a parte, ci si aspettano ancora grandi performance dalla “squadra del cuore”!

Leggi anche:  Cluj-Roma, Fonseca: "La nostra missione è vincere"
  •   
  •  
  •  
  •