Inter cercasi investitori: debito di 417 milioni

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Thohir

In casa Inter non si fermano le news negative. Dopo più di un mese in cui in casa Inter si sono dette di tutti i colori sul mister Roberto Mancini, sui giocatori (soprattutto su Stevan Jovetic e Felipe Melo), ora arriva anche una notizia riguardante la società. I tre principali azionisti dell’Inter, Massimo Moratti Erick Thohir e Handy Soetedjo, si sono incontrati per parlare del futuro dell’Inter. Al momento i media confermano che nessuno dei tre intende cedere le proprie quote, ma le cose potrebbero cambiare nel giro di poco tempo: se il loro è solo scetticismo per il momento buio o la verità lo si saprà tra pochi mesi. Thohir, imprenditore internazionale, ha rivelato un’azienda (Inter) in difficoltà con lo scopo nel medio termine di rimetterla in buona salute e rivenderla successivamente. Il guadagno che il businessman vuole avere è ovviamente superiore alla spesa fatta: ha acquistato l’Inter due anni e mezzo fa con un aumento di capitale pari a 75 milioni di euro per il 70% delle azioni, senza contare i prestiti fino ad ora elargiti. Ora l’Inter trova fatica a risanare tutti i suoi debiti. Se si va a vedere l’ultimo bilancio, quello della stagione 2014-15, ci si accorge che si è chiuso con un allarmante rosso di 140 milioni di euro. Dato che lascia trasparire come la gestione dell’Inter negli ultimi anni sia stata fortemente squilibrata. L’Inter, peraltro, si è mossa sul recente mercato, con la formula del “pagherò” che impatterà sui prossimi rendiconti, un rischiatutto che potrebbe mandare tutto all’aria, quel che di buono almeno è rimasto. Senza l’approdo in Champions League, il piano di risanamento della società e il rilancio del logo Inter nel mondo rischierebbero di saltare in aria. Al 30 giugno dello scorso anno, i debiti dell’Inter con le banche sono il fardello più pesante sul groppone degli uomini del biscione: 230 milioni di euro. A questi aggiungiamo i 108 prestati da Thohir, i 68 dai fornitori e gli 11 con le società di calcio per le operazioni di mercato, il debito dell’Inter arriva a 417 milioni di euro, al netto dei crediti. Una somma stratosferica, che lascia vedere come la situazione economica e finanziaria del club nerazzurro è gravemente seria. Per poter risanare il prima possibile il gap economico, Erick Thohir ha dato mandato a Goldman Sachs trovare soci di minoranza che siano disposti ad immettere subito liquidità nelle casse dell’Inter: “Bisogna sfruttare le potenzialità della Cina – ha detto Thohir ai giornalisti della Gazzetta dello Sport – per questo ho chiesto a Goldman Sachs di vagliare eventuali partner. La ricerca comunque non è limitata alla sola Cina”. Anche Massimo Moratti sta pensando alla situazione e alle mosse da fare per evitare il peggio. I patti intercorsi con Thohir non sono noti, quindi bisognerà capire cosa succederà al termine dei patti intercorsi tra i due, a novembre di questo anno. L’ex patron dell’Inter non si è ancora espresso sull’argomento, e finora si è andati avanti grazie ai soldi prestati da Thohir. Ma per quanto tempo ancora si andrà avanti cosi non si sa, certo che si aspettano notizie ufficiali da parte dell’Inter.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Eriksen-Inter: ecco quanto hanno sborsato i nerazzurri per acquistarlo
Tags: