Inter, che fine ha fatto Jovetic?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

180027500-64ca73e4-c65d-4de1-84bb-af306b48d60fTra i tanti musi lunghi ad Appiano Gentile in questo ultimo periodo ce n’è uno più triste degli altri ed è quello di Stevan Jovetic, ormai quasi un corpo estraneo nel gruppo nerazzurro guidato, non più così saldamente a quanto pare, da Roberto Mancini. L’ultima presenza da titolare di Jovetic in campionato è quella del 31 gennaio scorso, in occasione del derby perso per 3 – 0 contro il Milan di  Sinisa Mihajlovic. Da allora tanto panchina per il montenegrino, ancora di proprietà del Machester City. Nel mese di febbraio Jovetic ha collezionato soltanto 5 minuti in campo, quelli finali al posto di Brozovic nella vittoria interna contro la Sampdoria del 20 febbraio. Eppure Jovetic in estate era stato fortemente voluto da Mancini, lui e Icardi dovevano formare la coppia gol che avrebbe dovuto trascinare l’Inter in questa stagione. L’inizio in nerazzurro dell’ex Fiorentina era stato molto positivo, galvanizzato anche dalla maglia numero 10 lasciata vacante dal partente Kovacic e consegnatagli da Mancini. Da novembre in avanti è cominciata la parabola discendente di Jovetic all’Inter, prima i soliti malanni muscolari, poi il l’inizio del periodo di calo dell’Inter cominciato con la sconfitta prenatalizia a San Siro contro la Lazio. Proprio quella sera, negli spogliatoi del Meazza ci sarebbe stato un litigio tra Mancini e lo stesso Jovetic, prontamente smentito dai due, ma caso vuole che da allora lo spazio per Jovetic in campo si è ridotto al minimo, tanto che nel 2016 Jo-Jo è andato a segno solo una volta, in Coppa Italia al San Paolo contro il Napoli.
L’arrivo di Eder a fine gennaio, la rivalutazione di Mancini del vecchio ma sempre prezioso Palacio hanno praticamente azzerato il minutaggio tra i titolari per Jovetic, che, salvo un clamoroso finale di stagione, non verrà riscattato dall’Inter. Il destino di Jovetic quindi poi sarà nella mani del nuovo Manchester City di Guardiola, sarà dunque  l’allenatore catalano a decidere cosa ne sarà del montenegrino, talento ancora incompreso, che a novembre compirà 27 anni e che di tempo davanti ne ha ancora tanto, ma quello all’Inter sembra già essere scaduto.

Leggi anche:  Conferenza stampa Borussia Mönchengladbach Inter: le parole di Conte e Ranocchia
  •   
  •  
  •  
  •