Inter in rosso: Thohir adesso vuole vendere

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

erick thohirSecondo Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, Thohir, il magnate indonesiano, proprietario del 70% delle quote dell’ Inter, avrebbe dato mandato a Goldman Sachs di trovare non dei semplici soci ma un potenziale acquirente pronto a rilevare la sua quota.
Alla base della scelta di Thohir la difficoltà a reperire introiti dal settore commerciale e il pesante fardello 417 mln di euro di debito consolidato, scarse entrate dal punto di vista commerciale e una qualificazione alla Champions che, per il terzo anno di fila, rischia seriamente di saltare.
Sarebbero questi tre grossi punti interrogativi che starebbero facendo incrinare le granitiche certezze di Erick Thohir riguardo all’Inter.
Il magnate indonesiano, a circa 27 mesi dal suo insediamento alla presidenza del club nerazzurro, starebbe seriamente pensando di cedere.
A sganciare la bomba sono il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport.
Nessun acquirente. Ad oggi stando a quanto rivela il Corriere della Sera nessun compratore appare pronto a palesarsi al capezzale dell’Inter.
Il compito di Goldman Sachs è tutt’altro che semplice visto che per rilevare il club nerazzurro servono almeno 410 milioni: 110 per accontentare Thohir e 300 di garanzie bancarie.

Ipotesi cinese. La banca d’affari statunitense comunque starebbe guardando sempre ad Oriente con la speranza è di coinvolgere il potentissimo gruppo immobiliare Wanda guidato da Wang Jianlin, il secondo uomo più ricco della Cina, e che qualche settimana fa ha sborsato un miliardo e 50 milioni di euro per acquisire il controllo di Infront.
Altra ipotesi, sempre dalla Cina, vedrebbe coinvolta ChemChina. Affascinante, visto che potrebbe ricomporsi il tandem Inter- Pirelli.
Il colosso cinese, che fattura quaranta miliardi, è già maggior azionista di Pirelli, sponsor di maglia con cui i milanesi hanno da poco rinnovato l’accordo. S
tando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport Thohir vuole rientrare dalle spese dell’investimento fatto ma non potrà farlo verosimilmente fino a quando l’Inter non tronerà in pianta stabile in Champions League e avrà dunque risistemato i conti.

Leggi anche:  Inter-Real Madrid, le probabili formazioni: Benzema out, Conte lancia i fedelissimi?

Liquidità. Già prima della fine della stagione, sarà necessaria un’altra infornata di liquidi: il club ha chiuso il mercato a saldo zero ma senza ricavi incrementali e Thohir rischia di dover rimettere mano al portafoglio nonostante l’aprile scorso avesse deciso di chiudere i rubinetti. L’Inter adesso aumenterà il capitale ed è in stretto dialogo con la UEFA per lo sforamento della prescrizione del fair play finanziario.
erick thohir

Patto con Moratti. Senza contare che a novembre scade il patto parasociale con Massimo Moratti, il quale potrà liberarsi dal su 29.5% di quote anche se l’ex patron sembra intenzionato a tenerle sebbene la cogestione difficilmente potrà attuarsi anche in futuro.

  •   
  •  
  •  
  •