Inter Sampdoria, Mancini: “Dobbiamo migliorare il gioco”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

roberto mancini

Torna alla vittoria l’Inter a San Siro. Inter Sampdoria finisce 3 ad 1 per la squadra di Mancini che riscatta così la sconfitta contro la Fiorentina della settimana scorsa. Inter Sampdoria, una partita che ha visto si i neroazzurri conquistare i tre punti, ma la squadra nonostante i tre gol a tratti è apparsa ancora confusionaria, distratta e ancora senza un’identità precisa. Inter Sampdoria, serviva la vittoria per Icardi e compagni e vittoria è arrivata. A proposito, Icardi è tornato al gol, il numero 11 in campionato. La Sampdoria, malgrado gli evidenti errori difensivi (in particolare sul terzo gol con un clamoroso liscio di Ranocchia), ha disputato nel complesso una discreta partita. L’Inter, grazie ai tre punti di questa sera, si porta quota 48 punti in campionato scavalcando momentaneamente la Roma di un punto. I giallorossi saranno però impegnati domani sera nel posticipo dell’Olimpico delle ore 20.45 contro il Palermo. La squadra di Mancini si piazza dunque al quarto posto, in attesa della partita della Roma e si portano ad un punto dal terzo posto occupato dalla Fiorentina che però dovrà giocare a Bergamo domani alle ore 15 in una gara non facile per la squadra di Sousa. L’Atalanta infatti non ha ancora vinto nel 2016 e non riesce a conquistare i tre punti da quasi tre mesi, con il forte rischio dunque di essere risucchiati nella lotta per la retrocessione. Inter Sampdoria, il tecnico dei neroazzurri ai microfoni di Sky Sport ha analizzato la partita della sua squadra:”Sono soddisfatto, visto il momento delicato. Stasera era importante vincere per non staccarsi dal gruppo delle terze in classifica. Per la terzo posto comunque il cammino è ancora lungo ed è tutto aperto. Il periodo nero non passa solo con una vittoria, serve un po’ di tempo e di tranquillità. Contro al Sampdoria abbiamo conquistato dei buoni tre punti, non abbiamo concesso nulla”. Mancini ha parlato poi della partita disputata dai suoi attaccanti e dei centrocampisti: “Eder e Icardi hanno giocato troppo larghi e troppo lontani quando non riuscivamo a ripartire con gli esterni. Hanno avuto un paio di combinazioni nel primo tempo, ma quando ci sono questa partite loro devono stare più vicini per ricevere palla dalle linee. Felipe Melo invece ha fatto una buona gara, Brozovic diventerà un grandissimo centrocampista col passare del tempo, ma avrà bisogno ancora di un po’ di tempo perché a un certo punto della partita perde la posizione in campo. Lui deve lavorare ancora tanto. Per quanto riguarda i gol ci abbiamo lavorato tanto, anche se abbiamo pure concesso qualcosa”. Mancini ha poi parlato della lotta per il terzo posto: “I tre punti conquistati contro la Sampdoria ci hanno riavvicinato, ma per il gioco serve ancora qualcosa di più. In questo momento siamo in un periodo così, dobbiamo essere un po’ più umili e certi momenti  si superano tutti insieme”.  Alla domanda del giornalista riguardo alla possibilità di portare Mourinho a Torino, Mancini si è così espresso:”Non so, potrei invitare Mourinho, andare di nuovo in ritiro o invitare Ronaldo… bisogna capire cosa ha inciso di più”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tacconi ricorda: "Maradona mi ha fatto prendere tante multe. A Napoli mi davano sempre del cornuto"