Inter vince con rete di Icardi: mai più senza il capitano

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Inter Milan's Argentinian forward Mauro Icardi celebrates after scoring a 2nd goal during the Serie A football match Inter Milan vs Sassuolo, on September 14, 2014 in San Siro stadium in Milan. AFP PHOTO / OLIVIER MORIN        (Photo credit should read OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)


L’Inter di Roberto Mancini è tornata alla vittoria in campionato, dopo quasi un mese senza i tre punti, rimane in classifica al quarto posto, a meno uno dalla zona Champions League. L’uno a zero (l’ennesimo direbbero alcuni maligni, ma al momento questo gol vale oro colato) rifilato al Chievo Verona del tecnico Rolando Maran, però, non rispecchia il reale andamento della partita. Nel primo tempo gli uomini del Mancio (in tribuna per squalifica, l’ennesima) hanno messo alle corde la squadra clivense e solo uno straordinario Seculin, portiere classe 1990 al suo esordio in Serie A Tim, ha permesso al risultato di restare inchiodato sullo zero a zero. Nel secondo tempo, al minuto numero tre, ci ha pensato il capitano nerazzurro Mauro Icardi a siglare il gol della vittoria con una zampata da vero uomo d’area, dopo un flipper tra le gambe dei giocatori. Nel finale, un po’ di apprensione (ma niente di che), visto che gli ultimi istanti di partita hanno giocato brutti scherza all’Inter.

Leggi anche:  Roma, Dzeko ancora positivo: potrebbe saltare anche il Napoli

La vittoria conquistata contro il Chievo Verona permette all’Inter e a Roberto Mancini di tirare un sospiro di sollievo, dopo un gennaio total black, dove la squadra si è sentita minare quelle certezze frutto di un girone di andata sopra ogni previsione, e ha fatto perdere diversi punti in classifica, nel solo mese di gennaio l’Inter ha collezionato pochi punti per davvero veramente dare una svolta e uno slancio a questo campionato. Ma la testa del club nerazzurro è già proiettata alla sfida di domenica contro il Verona di Luigi Del Neri, che nell’ultimo turno di campionato ha ottenuto la sua prima vittoria stagionale (senza contare quella estiva di Coppa Italia per 2-0 contro il Foggia di De Zerbi, di Toni e Pazzini le reti) contro l’Atalanta di mister Edy Reja. Con questo uno a zero diventano 10 le vittorie di misura dell’Inter, sintomo che la squadra fatica a realizzare e a concretizzare tutte le occasioni che produce. Di solito i nerazzurri hanno costruito poche palle gol, ma nell’ultima partita veramente tante (almeno cinque), e solo un superlativo Seculin ha permesso alla sua squadra di non dover tirare i remi in barca prima del previsto e affondare sotto i colpi dell’Inter.

Leggi anche:  Le parole di Conti (vice di Giampaolo) a DAZN : "Torino da manicomio, il problema non è fisico”

La vittoria è arrivata dopo il gol del capitano, Mauro Icardi, un giovane argentino classe 1993 (compirà 23 anni il prossimo 19 febbraio). Sono fino ad ora nove le reti in campionato del centravanti, e 45 totali in 92 presenze con la maglia nerazzurra. Numeri che evidenziano come questa squadra non può fare a meno del suo attaccante di riferimento: le panchine contro Juventus e Milan lo hanno di certo stimolato e, nonostante l’errore dal dischetto nel derby di domenica sera (che avrebbe cambiato le sorti del match, forse),  stato, insieme ad Eder, il giocatore più attivo e pericoloso degli uomini d’attacco nerazzurri.

Sicuramente, da ora fino alla fine della stagione, Mancini non si potrà più prendere il lusso di lasciare Icardi in panchina, la qualificazione alla prossima Champions League e, perché no, il sogno scudetto (per chi ha ancora il coraggio di pronunciarlo) passano dai suoi gol.

  •   
  •  
  •  
  •