#iostoconTotti vs #iostoconSpalletti: il web si divide

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui

Era il 2009. In quell’anno ci furono le dimissioni di Spalletti. I senatori della Roma, capitanati naturalmente da Francesco Totti, non presero affatto bene quelle dimissioni, imputando al tecnico di Certaldo di aver gettato la spugna perchè già d’accordo con i russi dello Zenit San Pietroburgo. I social network non avevano ancora assunto l’importanza che ricoprono oggi nella vita di ognuno di noi.

E’ il febbraio del 2016. In casa Roma non si respira un bel clima. Totti accende la miccia con l’intervista al TG1, Spalletti fa scoppiare la bomba mettendo fuori rosa il capitano romanista. E’ un susseguirsi rapido di fatti, ma tanto basta per rompere la serenità che aveva ritrovato la Roma dopo l’addio di Garcia e le quattro vittorie consecutive in campionato di Spalletti.
Oggi, i social network sono diventati – a tutti gli effetti – parti integranti della nostra vita. Grazie ai social ognuno di noi è in grado di conoscere il pensiero altrui. E’ un processo apparentemente effimero, ma che ha rivoluzionato la nostra vita. E, alla luce di quanto accaduto a Trigoria, sul web impazza la polemica, come – ormai – avviene sempre in questi casi.

Leggi anche:  Il Piano B del Barça continua a vincere, convincere e stupire. 3-0 a Budapest

Stando ai sondaggi dei Social, Totti prevale con il 55%, accaparrandosi buona parte della tifoseria e non solo, visto che perfino alcuni simpatizzanti laziali considerano quello di Spalletti “un trattamento inadeguato”.

Si schierano anche i vip, da Vieri (“Totti deve fare quello che vuole, deve sempre decidere lui”) a Venditti (“Roma è in subbuglio….Totti rimandato a casa! Ma casa sua e’ Roma e la Roma….capisco che il rispetto deve essere reciproco ma ci sono modi e tempi…noi spettatori attoniti e stasera c’è Roma Palermo che dovrebbe essere la vera protagonista di questa giornata!Pensate come ci sentiamo noi che amiamo la Roma….a noi chi ci rispetta?”), passando per uno storico ex, Giancarlo De Sisti (“Totti? Il più grande di sempre”) e a tanti altri.

Francesco Totti e Luciano Spalletti

Francesco Totti e Luciano Spalletti

L’hashtag #Totti è in cima alla top ten di Twitter. Innumerevoli i commenti: c’è chi sta con il capitano della Roma, simbolo dei romanisti e “Ottavo Re di Roma”. E c’è chi sta con Spalletti, rappresentante dei rottamatori nel mondo del calcio. Eloquente il tweet di un tifoso romanista:

“Se si separano mamma e papà i figli devono scegliere da che parte stare? Io provo a capire. E non smetto di amare #Totti e @OfficialASRoma”

Su Facebook, è subito diventata virale la foto che ritrae Totti mentre ripete il celebre selfie scattato dopo il gol con la Lazio nel derby, ma alle sue spalle non c’è più la curva Sud, ma delle persone anziane che fanno festa in una casa di cura.
Infine, non sono pochi quelli che se la prendono con il presidente della Roma, James Pallota. I tifosi lo accusano di “non esser presente nelle problematiche della società” e di “trovare meschini espedienti per non rinnovare il contratto al capitano”.

Leggi anche:  Esonero Maran, giorni di riflessione per Preziosi: si pensa al ritorno di Nicola ed al vecchio pallino Semplici

Sicuramente, la questione poteva essere gestita meglio da parte di tutti. Sarebbe bastato un pizzico di buonsenso per evitare di arrivare a questo. La situazione, probabilmente, durava da più tempo e le parti in causa (tra le quali non è mai corso buon sangue) sono esplose, dando adito ad una groviera di polemiche. Il caso è ancora apertissimo e le polemiche non sono finite qui…per la gioia del web!

  •   
  •  
  •  
  •