Juve Genoa, Allegri: “Partita sporca, ci ha riportati coi piedi per terra. Dispiaciuto per Caceres”

Pubblicato il autore: Silvia Campagna Segui

allegri

Al termine del match infrasettimanale tra Juventus e Genoa, valevole per la 23ª giornata di campionato di Serie A e terminato 1-0 per i bianconeri (azione di Cuadrado e successiva deviazione involontaria in rete di Di Maio), mister Massimiliano Allegri ha commentato in conferenza stampa la vittoria – la 13ª consecutiva – della sua squadra, soffermandosi sulle grosse difficoltà incontrare dai suoi giocatori per riuscire a portare a casa questi 3 punti fondamentali per la corsa alla scudetto.

PARTITA SPORCA – «I ragazzi hanno avuto il merito di interpretare la partita nel migliore dei modi. Sapevamo sarebbe stata complicata, è nella storia di Juventus Genoa. Anche l’anno scorso infatti fu molto complicata, lo stesso due anni fa. Giocare contro il Genoa è sempre difficile perché non ti lasciano spazio, giocano quasi a uomo a tutto campo, quindi devi essere bravo. I ragazzi sono stati bravi anche se siamo rimasti in dieci (ndr, espulsione di Simone Zaza al 91′ a causa di un brutto fallo su un giocatore avversario). Queste vittorie sono importanti, perchè nell’arco di un campionato ci sono sempre quelle 6 o 7 partite che devi vincere giocando male, le cosiddette partite sporche. E stasera è stata una di quelle partite. Tra l’altro è stata una partita che ci ha riportati un po’ con i piedi per terra, perché dopo l’euforia, sia fuori che dentro lo stadio, del 4 a 0 di Verona sembrava che tutte le partite fossero diventate facili, e invece stasera abbiamo ricapito che non è assolutamente così. Si può sempre avere un attimino di rigetto, che è anche fisiologico. Ma i ragazzi hanno fatto una partita molto pratica e di questo sono molto contento. Ora non bisogna perdere di vista le cose che dobbiamo fare per arrivare in fondo e per cercare di vincere il campionato.»

Leggi anche:  Super League svizzera, Lugano-Basilea 1-0. Il sogno dei ticinesi continua

TROPPI INFORTUNI – «Sturaro ha preso una botta al ginocchio ma non è niente, è rimasto a riposo solo per precauzione; lo stesso vale per ChielliniKhedira e Mandzukic saranno valutati; difficilmente saranno a disposizione per il match contro il Napoli e vedremo se lo saranno per le partite successive. Mi dispiace invece per Caceres (ndr, uscito in barella al 63′), perché dalle prime indicazioni che mi hanno dato pare si tratti di una lesione al tendine; domani valuteranno le sue condizioni. Mi spiace davvero molto perché Martin è un ragazzo straordinario e un grande difensore». E su Evra uscito al 41′ a causa di manifestazioni di malessere fisico, Allegri ridacchiano rassicura tutti: «Nessun infortunio. Ha solo vomitato.»

TROPPI ROSSI PER ZAZA – Dopo la squalifica in Coppa Italia, ieri ennesimo cartellino rosso per Simone Zaza, entrato in campo al 54′ per sostituire Morata ed espulso al 91′ a causa di un brutto fallo su un giocatore avversario. Dimostrazioni di immaturità le sue? «Zaza è entrato bene, ha avuto subito una bella occasione per fare gol e ha sbagliato. Deve rimanere sereno sia dentro che fuori dal campo. Quando si è in una grande squadra può capitare di stare fuori e di subentrare, ma si è comunque sempre determinanti. In attacco il giocatore più esperto è Mandzukic che però ora è fuori per infortunio, quindi ora abbiamo tre giocatori, anzi due. Meno male che abbiamo Favilli della Primavera che è bravo e magari domenica ci fa vincere la partita! Però bisogna crescere velocemente. Si deve essere molto più calmi perché queste reazioni non servono a niente. Ma Simone è un ragazzo intelligente e lo capirà, farà tesoro di questa cosa.»

  •   
  •  
  •  
  •