Juve – Napoli, meglio gli Stadio che lo Stadium. Quando una volta in Italia c’era il calcio spettacolo

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
fe25ef5ff410a1c750519c41aa7c2cc1-kidE-U1070127518643PkB-1024x576@LaStampa.it
Se il massimo spettacolo che poteva offrire il calcio italiano è stato quello visto ieri allo Juventus Stadium allora è vero che siamo messi proprio male. Al di là del risultato finale che ovviamente manda in visibilio i tifosi juventini ed all’inferno quelli napoletani ( in barba ad ogni estetismo) la gara dell’anno andata in scena ieri a Torino avrà lasciato sicuramente delusi gli esteti del calcio che si aspettavano un altro tipo di spettacolo.  Ieri ha prevalso il tatticismo  con i 22 giocatori in campo che si sono mossi secondo i rigidi dettami voluti dai due allenatori , una partita a scacchi nella quale però più che l’estemporaneità di mosse dettate dalla fantasia ha avuto la meglio la programmazione “maniacale” calata dall’alto. Tre tiri in porta in tutta la partita è il misero bottino di emozioni che ha regalato l’attesissima Juventus – Napoli. Lasciando con l’amaro in bocca i milioni di spettatori ” disinteressati” che si attendevano i gol di Higuain, le giocate di Dybala, l’intensità della corsa juventina e la fantasia dei tenori del Napoli.  Il manifesto uscito fuori ieri dallo Juventus Stadium fotografa perfettamente la condizione attuale del calcio italiano con lo spettacolo che troppo spesso lascia il posto a spettacoli di scarsa attrazione, un calcio “antico” con il catenaccio che ha ancora la fa da padrone. E così mentre nei più evoluti campionati d’Europa anche nei match che valgono una stagione fioccano reti, occasioni, giocate spettacolari in Italia siamo costretti ad accontentarci di gare come quelle di ieri sera nelle  quali i meno interessati potrebbero aver perso anche qualche azione della gara perchè presi dalla noia o perchè hanno preferito le canzoni di Sanremo alla ” guerra” di trincea messa in campo da Juventus e Napoli, preoccupate prima di tutto a non prenderle che a provare a vincere la partita.  Lo chiamavano il calcio più bello del Mondo
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Un Ibrahimovic famelico...