Juventus-Napoli: un big match oltre i confini del calcio

Pubblicato il autore: valeria93 Segui

 

probabili formazioni serie a 25^ giornataJuventus-Napoli: un match dalla portata storica, la sfida scudetto per eccellenza, una partita diversa da ogni altra, da sempre sentita in modo particolare sia dai tifosi azzurri che da quelli bianconeri. Due città, Torino e Napoli, avvezze fin dagli albori ai fasti ed all’antico prestigio, due volti della stessa Italia che ormai da anni costituiscono lo specchio di altrettante, inedite sfumature che si riflettono nei modi di fare, negli stili di vita e soprattutto nel modo del tutto originale di vedere il calcio. Quel calcio che unisce, un calcio spesso visto come momento di aggregazione, ma capace al tempo stesso, purtroppo, di creare barriere invalicabili e generare tensioni.

Se i tempi del re di Napoli sono ormai lontani sulla linea del tempo, è pur certo che l’orchestra diretta da Maurizio Sarri continua a vincere ma soprattutto a convincere, macinando record su record ed abbattendo traguardi che sembravano richiamare ad un’epoca di splendori impossibile da rivivere. L’imperdibile sfida di sabato sera tra Juventus e Napoli non si giocherà soltanto sul manto erboso dello Stadium: si deciderà soprattutto nei vicoli, nelle piazze, nelle stradine caratteristiche di una città, Napoli, troppo poco abituata ad assaporare il gusto delle vittorie che contano ed ancorata oggi ad un sogno di cui solo sentirne pronunciare il nome fa paura e dà adito a scaramanzie di ogni sorta. Una città da sempre vessata che cerca il suo riscatto più gradito, la sua valvola di sfogo attraverso una Passione che a Napoli assume i connotati non di un semplice tifo, non di banale fedeltà alla propria maglia, ma di una vera e propria malattia: il Calcio.

Leggi anche:  Brasileirão, 23a giornata: Atlético Mineiro al comando, Internacional e Fluminense perdono terreno

Si giocherà tra le strade di Torino, una città dal volto multiforme: da un lato il cuore granada, dall’altro l’incrollabile amore per la Vecchia Signora, che dopo un avvio di campionato tutt’altro che scoppiettante, ha deciso di tornare a vestire i costumi della protagonista e tentare l’impresa di strappare lo scettro al Napoli capolista. Un Napoli a dir poco rigenerato rispetto alla scorsa stagione: se l’inizio di campionato poteva far storcere facilmente il naso ai più scettici dopo i macchinosi ingranaggi giunti in seguito alla sconfitta contro il Sassuolo e all’indecoroso pareggio con la Sampdoria, ora ci troviamo di fronte una squadra compatta e combattiva, pronta ad incassare i colpi in difesa senza cedere (anche grazie all’ottimale reinserimento di giocatori quali Hysaj, Albiol e Koulibaly) e con un reparto d’attacco che fa invidia a tutto il mondo.

Leggi anche:  Juventus, il giudice sportivo ha deciso: due giornate a Morata

Una sfida a doppio spettro, quella tra Juventus e Napoli che si giocherà a suon di giocate vincenti e parate fenomenali; uno scontro nel segno, soprattutto, di Higuain e Dybala, i due pezzi da novanta che apriranno le danze e tenteranno di issare in alto le proprie insegne come simbolo di vittoria. Da un lato la determinazione del Pipita, proiettato come non mai verso la scarpa d’oro, tutt’altro che deciso a voler interrompere il suo trend di 24 reti in 24 gare, dall’altro Dybala, il giovane attaccante classe ’93, che con la sua freschezza e la sua velocità fulminea riesce ad essere decisivo in ogni match e capace di condurre per mano la sua Juve verso obiettivi sempre più ambiziosi. La corsa scudetto è ufficialmente aperta.

  •   
  •  
  •  
  •