La finale della Champions League 2017/2018 si giocherà nel nuovo stadio dell’Atletico Madrid

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui
Probabili formazioni Champions League
Annuncio a sorpresa da parte del numero uno dei colchoneros Enrique Cerezo, che in anteprima rispetto all’annuncio ufficiale da parte della Uefa ha svelato che la finale della Champions League 2017/2018 si disputerà alla “Peineta“, ovvero il nuovo stadio del club di Madrid.Queste le parole del presidente dell’Atletico: “La finale Champions nel 2018 si disputerà a casa nostraMancano ancora un po’ di mesi per completare l’impianto, ma vi assicuro che sarà lo stadio migliore del mondoNon vediamo l’ora che il nuovo Calderon sia pronto. Nell’anno in cui verrà inaugurato, nel 2018, sicuramente vi verrà disputata la finale di Champions League e, credo, anche quella della Copa del Rey”.

Dunque dopo Berlino 2015, Milano quest’anno e Cardiff il prossimo, nel 2018 la finale della coppa dalle grandi orecchie torna nella capitale iberica a otto anni di distanza dall’ultima. In quel caso si giocò però al Santiago Bernabeu, casa del più rinomato e titolato Real Madrid. Ad aggiudicarsi il trofeo fu l’Inter di Josè Mourinho, che con una doppietta di Diego Milito ebbe la meglio sui tedeschi del Bayern Monaco. E chissà se la Capitale spagnola non possa portar bene ancora una volta alle nostre squadre.

Leggi anche:  Super League svizzera: lo Young Boys piega per 2-1 il Basilea, restando da solo in vetta "staccando" il Lugano (1-1 esterno col Servette)

Ritornando alla nuova struttura, che sostituirà il vecchio Calderon, si tratta di uno stadio ultra moderno con circa 68000 posti a sedere, una vasta area parcheggio e con una fermata metro molto vicina. Un passo importante per una società ormai in pianta stabile nell’elitè della Liga spagnola e del calcio europeo, ma è anche uno spunto di riflessione per il nostro calcio vecchio e degradato.

Nel Bel Paese solo Juventus e Sassuolo possono vantare un impianto di proprietà, mentre le altre al momento sono ferme al palo. E allora la domanda sorge spontanea: perchè da noi ciò non è possibile ? In attesa di una risposta non ci rimane che continuare ad invidiare gli altri.


  •   
  •  
  •  
  •