Lazio, Candreva duro: “Basta invenzioni, non ho litigato con Klose e Tare”

Pubblicato il autore: Linda Borgioni Segui

Lazio-Candreva

Nel post partita di Lazio-Galatasaray c’è stato un acceso confronto tra il direttore sportivo Igli Tare e Antonio Candreva. O almeno questo è quanto è trapelato questa mattina, all’indomani della gara di Europa League vinta dalla Lazio. Un episodio grave, che tuttavia la società ha smentito categoricamente già nella mattinata. Ad alcune ore di distanza, arrivano anche le dichiarazioni di Candreva, che fa chiarezza sulla questione con un comunicato: “Negli ultimi mesi ho letto e sentito molte cose sul mio conto. Fino a questo momento ho preferito rimanere in silenzio e concentrarmi sul campo, comunque allibito e scioccato da certe invenzioni giornalistiche. Ma questa situazione ha ormai raggiunto la saturazione e il silenzio non è più un’opzione. Questa mattina, su un quotidiano nazionale, ho letto delle cose completamente inventate che vanno a ledere senza alcuna motivazione la mia persona e la mia immagine. Le presunte discussioni con il direttore sportivo Tare e con Miro Klose sono tutte completamente inventate. Purtroppo non è la prima volta che articoli di questo tipo appaiono su questo quotidiano. Io posso garantire che in ogni allenamento, prima ancora che in partita, do sempre il 100%, preparandomi sia fisicamente che mentalmente con massima professionalità e dedizione, perché desidero sempre poter dare il mio contributo alla squadra, alla società, all’allenatore e a tutti i tifosi della Lazio. Ho deciso quindi di dare mandato al mio avvocato di agire nelle sedi competenti per tutelare la mia immagine di professionista e di ragazzo per bene quale mi ritengo. Antonio Candreva”.

Parole importanti, quelle di Candreva, che evidentemente è stufo di sentire voci sul suo conto. Voci che, peraltro, sono uscite fuori all’indomani della consegna della fascia di capitano a Lucas Biglia ma che in realtà non hanno trovato riscontro nelle prestazioni del giocatore romano, che se è vero che non è brillante come lo scorso anno, è anche vero che il calo c’è stato in tutta la squadra. Lui, d’altro canto, si è sempre fatto trovare pronto quando chiamato da Stefano Pioli e ha sempre dimostrato attaccamento per la maglia biancoceleste. Ad oggi, però, il rapporto tra Candreva e l’ambiente Lazio sembra ormai incrinato ed è probabile e in estate il centrocampista lascerà la capitale.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, doppia vittoria ai Golden Foot Awards: premiati Ronaldo e Agnelli