Liga, Atletico in festa (aspettando il Barca) e Torres fa 100

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

 

MADRID, SPAIN - APRIL 9: Players of Atletico Madrid celebrate their victory after the UEFA Champions League quarter-final second leg soccer match between Atletico Madrid and Barcelona at Vicente Calderon Stadium in Madrid, Spain on April 9, 2014. (Photo by Senhan Bolelli/Anadolu Agency/Getty Images)


Nella 23esima giornata della Liga spagnola, Atletico Madrid e Eibar danno spettacolo al Calderòn. Gli uomini di Diego Simeone superano gli avversari per 3 a 1, rimontando l’inziale gol subito e mostrando una prestazioni tutta muscoli, dopo la sconfitta patita al Camp Nou contro il Barcellona, Con il successo in rimonta contro i baschi, i colchoneros ripartono alla grande dopo la sconfitta. Si attestano al primo posto nella Liga, aspettando il risultato finale del Barcellona, impegnato domani alle 12.00 in casa del Levante Valencia.

Il primo tempo della partita si conclude a reti inviolate. Nel secondo tempo, un errore grossolano di Saul si tramuta in un’occasione per Keko, ex Catania, che con freddezza batte Oblak, portando cosi in vantaggio la propria squadra. Replica immediata per l’Atletico che impiega dieci minuti per trovare il gol del momentaneo pareggio: su corner di Koke, Gimenez con un terzo tempo degno del miglior cestista, prende il tempo a tutta la difesa avversaria e colpisce la palla di testa sul primo palo. Subito dopo, il vantaggio degli uomini di Simeone arriva ancora da calcio d’angolo, in fotocopia: altro calcio d’angolo pennellato da Koke al centro dell’area avversaria, ma stavolta cambia l’interprete, è Saul Niguez a svettare di testa e a mettere la palla alle spalle di un incolpevole Riesgo, facendosi cosi perdonare per il banale errore. Nei minuti di recupero c’è anche il tempo di un altro gol: Fernando Torres sfrutta un cross di Vietto e in spaccata infila il terzo gol che chiude la partita sul risultato di 3 a 1 per l’Atletico Madrid. Per Torres è stato il gol numero 100 con a casacca biancorossa.

Leggi anche:  Dove vedere Atalanta Midtjylland streaming e diretta Tv Champions League

Gli uomini di Diego Simeone si rialzano nel migliore dei modi dopo che, nell’anticipo della 22esima giornata di Liga, hanno subito una cocente sconfitta al Camp Nou dal Barcellona del trio delle meraviglie. Vantaggio ospite con Koke, ma già nel primo tempo Messi e Suarez ribaltano il risultato, portandolo sul definitivo 2 a 1 per i blaugrana. In chiusura di primo tempo Felipe Luis dopo una brutta entrata su Leo Messi, prende un rosso diretto. Non contenti gli uomini perdono definitivamente la ragione quando, nel secondo tempo, anche Godin si fa cacciare per somma di ammonizioni.

A fine match, l’allenatore del Barcellona Luis Enrique, in conferenza stampa, senza voce parla della gara: “Siamo abituati male da queste parti, perché sembra che se non vinci 4-0 pare che hai fatto una gara pessima. Niente di più lontano dalla realtà. Contro rivali di questo livello, il 2-1 è un ottimo risultato. E anche la tifoseria l’ha presa cosi. Per cui dobbiamo essere contenti”. Per stessa ammissione del tecnico blaugrana, quest’anno la Liga è più aperta che mai, con l’Atletico Madrid di Diego Simeone che insegue senza dare respiro al Barca e il rinato Real Madrid che, dopo la cura di Zinedine Zidane, mostra di aver ritrovato il bandolo della matassa, nuovi stimoli e il passo giusto per poter insidiare le due squadre che per ora si contendono il ruolo di capolista della Liga spagnola. Non è più una favola, ma la reale certezza che questo Madrid ha rotto definitivamente il binomio Barca-Real per la lotta al titolo.

  •   
  •  
  •  
  •