Marchisio: “Con il Bayern sfida alla pari, siamo la Juve. Scudetto? Lotteremo fino alla fine”

Pubblicato il autore: Samuela Rubino Segui

Marchisio

La sua Juve è prima in classifica e lui, Claudio Marchisio sta disputando l’ennesimo campionato ad alti livelli, quest’anno tra l’altro non nel suo consueto ruolo, ma piazzato davanti la difesa, testimone lasciato proprio dal suo ex compagno di squadra Andrea Pirlo. Certo il ruolo lo porta ad essere meno presente nella metà campo avversaria ma molti palloni importanti passano lo stesso dai suoi piedi. Oggi il centrocampista bianconero ha parlato ai microfoni di Sky Sport della sua squadra, in particolare dello scorso big match di campionato contro il Napoli allo Stadium e delle prossime gare che attendono la sua squadra, Bologna e poi Bayern.

Non possiamo proprio permetterci di pensare alla Champions – dice Claudio Marchisiodobbiamo rimanere concentrarci sul campionato: abbiamo fatto uno sforzo enorme per tornare primi, ce ne vorrà uno ancora più grande per rimanerci. Abbiamo solo un punto di vantaggio sul Napoli, davvero poco, bisognerà tenere duro. Loro stanno dimostrando di poter lottare per lo scudetto fino alla fine”.

“L’euforia della squadra e dei tifosi deve finire, perché venerdì ci attende una partita molto importante e difficile a Bologna. La classifica parla chiaro: ci divide soltanto un punto dal Napoli, bisognerà tenere duro. Quella di sabato è stata una vittoria importante, conquistato con carattere ed equilibrio. Avremo la maggior parte degli scontri diretti in casa, ma la strada è ancora lunga. Sabato vittoria importante, non solo perché era contro il Napoli ma in generale per il nostro cammino. Prima del campionato dovranno giocare anche loro in Europa League e questo sarà un modo per poter riprendere il cammino. Hanno anche loro una grande squadra, stanno dimostrando di poter lottare per lo scudetto fino alla fine”.

Marchisio sa che fino alla fine non è solo una frase ma uno stile di vita bianconero: “Mancano sempre meno partite per vincere lo scudetto e bisogna continuare su questa strada: è ancora lunga e ci sono tanti scontri. In una partita come quella contro il Napoli non c’è bisogno di prepararle, le motivazioni vengono fuori da sole. Il fatto di non mollare mai è nelle corde di questo gruppo. Anche chi è arrivato quest’anno sa che fino alla fine non si deve mollare mai. E’ l’unico modo per poter arrivare a grandi risultati e alzare trofei”.

Prima della Champions però c’è un’altra partita molto importante: “Venerdì partita importante a Bologna, non possiamo permetterci passi falsi: abbiamo fatto uno sforzo enorme per riprenderci la vetta, ne servirà uno altrettanto grande per mantenerla. Donadoni ha dato la sua impronta alla squadra, cambiandone completamente il modo di giocare e le motivazioni. Sì, dovremo stare molto attenti al Bologna”.

Champions e quel mito da sfatare: Bayern Monaco imbattibile: “Entrambe le squadre hanno degli infortunati, ma Bayern e Juve sanno come affrontare le emergenze. Le due rose hanno giocatori di grande spessore che possono adattarsi a vari ruoli e quindi avranno giocatori ben preparati per la partita. Si sentono tante voci ma sono tutti grandi professionisti e campioni. I tedeschi hanno grandi qualità fisiche e tecniche, sono una delle tre squadre più forti del mondo, dobbiamo fare molta attenzione. Quando si giocano certi big match poi, i problemi restano sempre fuori dal campo. Siamo cresciuti molto a livello internazionale e siamo consapevoli di potercela giocare con tutti. Sappiamo che nell’ultimo anno e mezzo abbiamo guadagnato rispetto da parte di altre squadre. Quella con il Bayern sarà una sfida equilibrata. Dovremo sfruttare al meglio le occasioni che si presenteranno”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Parma, D'Aversa: "Non abbiamo sfigurato con l'Inter"