Massimo Moratti lascia definitivamente l’Inter: Thoir cerca nuovo partner italiano

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Massimo Moratti è pronto a cedere il 29% dell’Inter che ancora detiene, è quando si capisce dalle intenzioni del Patron, nonché presidente, Thoir, che ha dato mandato per cercare un nuovo socio di minoranza in virtù dell’uscita di scena del buon Massimo, vera e propria pietra di fondamento della società nerazzurra, che la sua famiglia, Angelo prima e lui poi, ha portato sul tetto d’Europa e del mondo, con campioni inestimabili e allenatori che si sono espressi ai massimi livelli, uno fra tutti Josè Mourinho, che ha riportato la Champions a Milano nel 2010 in seguito a una competizione letteralmente dominata dalla compagine milanese.

massimo morattiChe cosa rimarrà quindi ai tifosi dell’Inter ormai orfani sia di Mourinho che di Massimo Moratti? Risultati alla mano poco e nulla, essendo la squadra, salvo miracoli, non in grado di raggiungere la Champions, nonostante il grosso esborso economico di Thoir per volere del tecnico Roberto Mancini, che forse gode ancora un po troppo delle glorie maturate come giocatore e come allenatore per quanto riguarda il suo primo ciclo vincente.

Leggi anche:  Milan, Maldini: "L'Europa League è uno dei nostri obiettivi"

massimo morattiUn ultima nota è riservata per Eder, contento della scelta fatta e di essere approdato in un grande club, cosa sicuramente vera, perché l’Inter, specialmente quella morattiana, è una società di tutto rispetto, ma che certo non può vivere di rendita, ma continuare a essere in alto e quindi a lavorare per il patrimonio che è stato costruito in più di un secolo di storia.

Questo deve forse capire Thoir, che probabilmente ancora non ha capito la grandezza della società che ha acquistato e il patrimonio sportivo che rappresenta, ed è questo che deve capire Roberto Mancini, allenatore sicuramente ottimo e di esperienza, che ha portato diversi titoli all’Inter giocando con un 4-4-2 spumeggiante che non ha proprio nulla a che vedere con le tattiche arrangiate da un Mancini che sembra aver perso gran parte del suo carisma.

  •   
  •  
  •  
  •