Mihajlovic: “Questo è un nuovo Milan. Possiamo fare bene”

Pubblicato il autore: Simone Segui

parla Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic si gode la seconda vittoria consecutiva del suo Milan; dopo il 3-0 nel derby arriva un secco 2-0 sul campo del Palermo grazie ai gol dei bomber Bacca e Niang.

Il tecnico serbo, nella conferenza della vigilia, aveva parlato di un Milan pronto a lottare per un posto in Europa League; sarà ancora di questo avviso se la sua squadra dovesse continuare a giocare in questo modo?. Una prima risposta, importante, potrebbe arrivare già nelle prossime partite contro Udinese, Genoa e il big match con la capolista Napoli.

Mihajlovic, intanto, ai microfoni dei nostri colleghi di Premium Sport, racconta il match di ieri sera e come è nato questo “nuovo Milan”: “Cercavo risposte e le ho avute. I nostri obiettivi erano due: continuità di prestazione e vittoria. Nel primo tempo abbiamo dominato, nella ripresa abbiamo controllato la gara anche se avremmo dovuto chiuderla prima cercando il terzo gol, ma non abbiamo rischiato molto ed è una vittoria meritata.
Questo è
 un altro Milan rispetto al girone di andata. Abbiamo fatto dieci punti e potevano essere dodici se non avessimo sciupato un doppio vantaggio a Empoli. La squadra sta crescendo, godiamoci questa vittoria e cerchiamo di ripetere questa prestazione con l’Udinese.

L’obbiettivo stagionale? “Cercare di vincere partita dopo partita. Siamo in zona Europa League, se facciamo bene possiamo lottare per un posto in Champions, ma è ancora lontano. I conti li faremo alla fine. Se vogliamo fare il salto di qualità dobbiamo farlo nella testa, dobbiamo affrontare tutte le partite con l’atteggiamento che abbiamo avuto nel derby e con la Fiorentina”.

Poi si sofferma sulla discussione tra Bacca e Niang al momento di calciare il rigore:Sono entrambi rigoristi, chi si sente di tirare lo fa. Oggi Bacca era un po’ arrabbiato, ma ci siamo chiariti nello spogliatoio. Bacca aveva fatto gol e anche Niang voleva segnare. L’importante è aver segnato, chi calcia non ha importanza. Se non fosse entrata sarebbe stato diverso”.Cosa ha portato a questo cambio di marcia?: “Tanto lavoro e fiducia, poi servono i risultati. Questa è sempre stata la mia squadra, anche quando si perde. Sono il primo responsabile, nel bene e nel male: quando si vince è merito dei ragazzi, quando si perde è colpa mia”.

Infine, una dichiarazione su Vazquez che sembra dare il via libera al Condor Galliani:Vazquez ha le qualità per giocare in una grande squadra”.

Parole decise come è solito fare il sergente Mihajlovic; il nuovo Milan sta nascendo e la squadra sembra davvero seguire, ora più che mai, le direttive del suo allenatore. Direttive che hanno portato ben 10 punti su 12 nelle ultime 4 partite recuperando molte posizioni e punti sulle squadre davanti: ora i rossoneri sono a quota 39 punti, a solo due distanze dalla Roma (41), a meno 5 dall’Inter (44) e a meno sei dalla Fiorentina (45).
Domenica, 7 febbraio, nel match contro l’Udinese i rossoneri della coppia gol Bacca-Niang (12 gol per il colombiano e 4 per il francese), dovranno dimostrare di essere pronti a lottare davvero per una posizione di rilievo in questo campionato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie B a 21 squadre dal prossimo anno? Ghirelli si oppone.