Milan, Mihajlovic: “Siamo da Europa League. A Palermo per dare continuità”

Pubblicato il autore: Simone Segui

Mihajlovic
In casa Milan, a poche ore dal match contro in trasferta con il Palermo, si pensa alla formazione da mettere in campo. Mihajlovic è alle prese con i soliti dubbi: Alex sta meglio ma per precauzione sarà sostituito ancora una volta dal colombiano Zapata che affiancherà Alessio Romagnoli al centro della difesa.

L’altro dubbio di formazione riguarda la tenuta fisica degli attaccanti: Bacca e Niang partiranno da titolari come nelle ultime partite mentre Balotelli e Menez dovrebbero essere convocati per la panchina. Out, invece, Luiz Adriano che da quanto si apprende dalla Gazzetta dello Sport ha una contusione toracica.

A completare l’undici titolare rossonero ci saranno Donnarumma tra i pali, Abate e Antonelli sugli esterni, Zapata (al posto dell’infortunato Alex) e Romagnoli centrali, a metà campo agiranno Montolivo, Kucka, Honda e Bonaventura alle spalle della coppia offensiva Bacca – Niang.

Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quarta giornata e statistiche

Quella di stasera è una partita molto importante per confermare la rinascita del Milan dopo le ultime prestazioni positive; Mihajlovic, nella conferenza della vigilia, non si sbilancia ma si dice soddisfatto della sua squadra: “L’ho detto subito alla squadra: se non si farà bene a Palermo nessuno si ricorderà più del derby. E’ stata una partita che ci è servita per migliorare la fiducia e consapevolezza, certo, ma occorre dare continuità di risultati. In realtà anche con le piccole giochiamo bene, i risultati dicono il contrario ma non le prestazioni. In partite chiuse si trovano più difficoltà ma abbiamo creato, solo siamo stati poco cinici. L’importante è adattarsi ad entrambi i tipi di sfida. Dovremo fare una grande fase difensiva, poi sbloccare il match e poi chiuderla. Servono ancora voglia di vincere e cattiveria. Sento parlare di Champions, ma ci vuole più equilibrio. Non basta una partita per essere da Champions League, per adesso siamo da Europa League. Poi, continuando a giocare così, con altre 16 partite a disposizione, più in là ci potremo anche pensare. Il derby ha portato 3 punti, non 6”.

Sulla formazione: “Cercheremo di cambiare il meno possibile rispetto al derby, solo se sarò costretto. Tutti i ragazzi stanno bene, me l’hanno confermato”

Le Parole di Berlusconi: “Il presidente ha ragione, gli allenatori dipendono dai risultati. Dieci giorni fa ero da esonero, ora sono da confermare. Il calcio è bello per le sue esagerazioni, d’altronde. Se vinci sei bello, se perdi sei una testa di… e a me piace essere bello. I conti si faranno alla fine, si vedrà”

La vittoria nel derby è il momento migliore da quando è al Milan, e la cosa più brutta?: “Ci sono stati momenti difficili ma non ho mai temuto per la panchina. Ho fiducia nei ragazzi e nel lavoro. Ho la coscienza a posto e cammino a testa alta: sai che può succedere ma non potresti farci nulla”.

PROBABILI FORMAZIONI

PALERMO (4-3-3): Sorrentino, Struna, Goldaniga, Gonzalez, Lazaar, Hiljemark, Jajalo, Chochev, Vazquez, Gilardino, Quaison
A disposizione: Alastra, Andelkovic, Cionek, Morganella, Vitiello, Rispoli, Cristante, Brugman
Allenatore: Schelotto – Tedesco

MILAN (4-4-2): Donnarumma, Abate, Zapata, Romagnoli, Antonelli, Honda, Montolivo, Kucka, Bonaventura, Bacca, Niang
A disposizione: Abbiati, Alex, Calabria, De Sciglio, Bertolacci, Poli, Menez, Mauri, Boateng, Balotelli
Allenatore: Mihajlovic

  •   
  •  
  •  
  •