Milan, possibile forfait di uno tra i migliori della stagione. Pronto Prince

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Milan Sinisa Mihajlovic gestures during the Italian Serie A soccer match ACF Fiorentina vs Ac Milan at Artemio Franchi stadium in Florence, Italy 23 August 2015. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Nel Milan che cercherà contro l’Udinese di ottenere il terzo successo consecutivo potrebbe non esserci il centrocampista Giacomo Bonaventura. La giovane mezzala sinistra, tra i migliori del Milan in queste ultime settimane, ha riportato un leggero infortunio alla gamba destra che lo ha costretto ad abbandonare la seduta d’allenamento della squadra.  L’infortunio del giocatore non dovrebbe essere serio ma la sua presenza in campo contro l’Udinese domenica a San Siro è a forte rischio. Mihajlovic, che già prima della gara contro il Palermo di mercoledì sera aveva dichiarato di non volersi affidare al turn over, dovrà quindi rivedere un po i propri piani alla luce di questa possibile defezione. Se Bonaventura non dovesse farcela la soluzione più plausibile sembra essere quella dell’inserimento dal primo minuto di Kevin Prince Boateng. Il giocatore, fresco di ritorno in maglia rossonera, rappresenta una garanzia per la sua duttilità e potrebbe essere collocato sulla sinistra al posto dell’ex atalantino.  Un’altra idea, anche se di difficile attuazione per via della volontà del tecnico milanista di dare continuità all’assetto tattico che nelle ultime settima sta dando i frutti attesi, è quella dello spostamento di Niang sulla linea dei centrocampisti e l’inserimento in avanti, a fianco dell’intoccabile Bacca, di Mario Balotelli, grande protagonista del match d’andata proprio contro l’Udinese.  Affascinante ma difficile anche un’altra alternativa e cioè quella che porta il nome di Menez. Il francese si è pienamente ristabilito dall’infortunio che lo ha tenuto per mesi lontano dai campi ed è a disposizione di Mihajlovic. Chissà se contro l’Udinese ci sarà spazio anche per lui…

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Maradona, la calciatrice spagnola Paula Dapena non rispetta il minuto di silenzio: "Era uno stupratore"