Olimpico, le barriere restano

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

olimpico-divisoriPer quest’anno non si toglie nessuna barriera se un domani, a fine campionato o l’anno prossimo, ci saranno le condizioni da parte di tutte le tifoserie, valuteremo anche uno stadio senza barriere. Questo però è un discorso proiettato nel tempo non di adesso“. È quanto affermato dal questore Nicolò D’Angelo al termine dell’incontro per il Comitato per l’ordine e la sicurezza tenutosi oggi a Palazzo Valentini.”Quello che serve ora – ha proseguito il questore – è trovate una migliore fruibilità dello stadio Olimpico e dare la possibilità alle società di svolgere i loro compiti. Vogliamo restituire lo stadio alle famiglie e ai cittadini, in modo che possa essere vissuto nella maniera migliore. Sono stati previsti degli step che prevedono una maggiore qualificazione degli steward, una maggiore presenza in alcuni punti e una migliore distribuzione delle forze di polizia. Allo stesso tempo, le società individueranno un contatto tra i tifosi più meritevoli delle squadre, che potranno dialogare direttamente con le società per ogni richiesta relativa al tifo organizzato. Questo è un passo significativo“.

Nel corso del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica quindi “è stato siglato un accordo di programma tra la Questura di Roma, l’A.S. Roma, la S.S. Lazio il Coni“.  Ne da conto una nota della Prefettura, vediamola nel dettaglio.

Leggi anche:  Dove vedere Borussia Dortmund-Lazio, live streaming e diretta tv Champions League

L’iniziativa è “in esito ad una ricerca scientifica contenente un’indagine psico-sociale, condotta su un campione di oltre 2000 questionari, somministrati da esperti in occasione di 4 gare di Roma e Lazio”, spiega la Prefettura di Roma. “La ricerca ha fornito importanti indicazioni relativamente alla percezione della sicurezza dello stadio, ma anche sulla natura della contestazione al nuovo modello organizzativo adottato dall’inizio del campionato. I dati hanno, infatti, evidenziato un’elevata percezione della sicurezza nei frequentatori dello stadio a Roma: tra tutti gli intervistati solo il 7,5% non si sente sicuro. Ne deriva quindi che il ‘contesto stadio’ offre oggi un livello di sicurezza percepita maggiore rispetto a quella osservata in altri contesti sociali e smentisce l’immagine negativa che si tende genericamente ad associare allo stadio nel dibattito pubblico o nel sentire comune”.

Riguardo all’accettazione delle misure adottate, emerge il livello molto alto di condivisione se si considera che l’indagine è stata svolta nel periodo di piena contestazione. “Circa il 29,7% degli intervistati si schiera a favore del provvedimento che ovviamente trova una chiara opposizione da parte del tifoso della curva che lo ritiene ingiusto nell’84,6% dei casi”.

Leggi anche:  Borussia Dortmund-Lazio: probabili formazioni, orario, luogo e precedenti

“L’accordo di programma siglato oggi – sulla scorta della positiva valutazione compiuta dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive con la determinazione del 3 febbraio ultimo scorso – ha sancito le seguenti azioni:

  • Meccanismi di dialogo con i tifosi saranno implementati da parte dei club con l’attivazione di sportelli funzionali alla comunicazione con i tifosi stessi, che per organizzare le iniziative di tifo non dovranno più rivolgersi alla Polizia ma avranno contatti solo con i rappresentanti delle società, che poi interloquiranno con le autorità di P.S.
  • Più stewards e meno polizia. I controlli nelle vie di accesso allo stadio saranno effettuati in prima battuta dagli stewards mentre le Forze dell’Ordine si concentreranno nelle aree di pre-filtraggio anche per offrire agli spettatori servizi di sicurezza ‘antiterrorismo‘.

“Le due società avvieranno campagne di sensibilizzazione ed educazione mediante il coinvolgimento di personaggi carismatici per i propri tesserati sul tema del fare tifo e del supporto agli atleti in campo. Inoltre i club tramite il Supporters Liaison Officer studieranno misure per evitare la divisione di gruppi omogenei, eventualmente causata dalla settorializzazione. Il Coni, in quanto proprietario dell’impianto, proseguirà nelle strategie di miglioramento tecnologico dello Stadio Olimpico e di offerta di servizi strumentali ad una migliore accessibilità all’impianto sportivo ed una permanenza più confortevole per anziani, donne e bambini.

Leggi anche:  Juventus, il giudice sportivo ha deciso: due giornate a Morata

La Questura di Roma svolgerà la funzione di garante del sistema, anche rispettando gli spazi delle tifoserie, con la precisa condizione che siano osservate le norme in materia di divieto di occupazione delle scale, divieto di introduzione di materiale esplodente e pirotecnico e divieto di esposizione di striscioni illegali. Il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica monitorerà l’andamento della sicurezza allo stadio Olimpico anche al fine di rivalutare, in presenza di una reazione positiva delle tifoseria, il modello organizzativo con l’obiettivo di creare nel tempo migliori condizioni di aggregazione”. Sarà sufficiente per tornare a riempire lo Stadio Olimpico? Staremo a vedere

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,