Quante critiche: il Napoli torna sulla terra

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

AFP_819WH-0050-kXJF-U431501050374328K0F-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Due sconfitte consecutive e il Napoli si trova dinanzi un bivio. Per la prima volta in questa stagione. Lunedì c’è il Milan, che è in ripresa, e già lancia messaggi di sfida agli azzurri, giovedì il ritorno con gli spagnoli del Villarreal, che ieri con la vittoria per 1-0 mettono in difficoltà il passaggio agli ottavi. Ma Sarri e ragazzi, già chiedono un San Paolo pieno per la gara di ritorno. Il Napoli dovrà vincere almeno con due gol di scarto. Intanto, in città città e media locali, si dividono sui commenti per quest’ennesima sconfitta che fa tornare il Napoli coi piedi in terra. C’è chi fa notare a Sarri che la formazione non era quella adatta; giocatori sbagliati e per la seconda volta la squadra non ha segnato. Sarri, disse ieri, che avrebbe portato in campo gli stessi 11. E’ stata una punizione a battere il Napoli, ad 8 minuti dalla fine. Gli azzurri non hanno subito il dominio spagnolo, anzi il Villarreal, poche volte ha impensierito i difensori Chiriches e Koulibaly. Ma a Napoli, funziona così purtroppo. Si va dalle stelle alle stalle in pochi giorni, ma non per questo la squadra si deve abbattere. Fino ad ora è stata una stagione straordinaria, nessuno prevedeva che gli azzurri mantenessero il primato per 6 giornate, e stasera, gli occhi, saranno tutti al Dall’Ara, per Bologna-Juventus. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus-Torino 2-1: il derby della Mole ai bianconeri in rimonta