Roma-Real Madrid, finisce 0-2: che beffa all’Olimpico.

Pubblicato il autore: laura.mondarini Segui

SPALL

Ieri sera si è giocata all’Olimpico l’andata degli ottavi di finale di Champions League.

La Roma schierata da Mister Spalletti con il modulo 4-2-3-1 ha ospitato il temibile Real Madrid di Zinédine Zidane, alla prima esperienza da allenatore su un campo italiano. In uno stadio da vecchi tempi, gremito di tifosi, con un’insolita e affollata curva sud, 60.000 spettatori si sono goduti lo spettacolo.

Si perché se il nome risonante della squadra e dei giocatori avversari garantivano divertimento e prestazioni da Olimpo del calcio, non è stata da meno la squadra giallorossa, senza dubbio ieri sera alla pari delle stelle spagnole.

Inizia subito con carattere la squadra del mister toscano, apparsa fin da subito concentrata e in grado di dire la propria sul campo. Spalletti effettivamente si era detto fiducioso in conferenza stampa poche ore prima del match, sia sul piano della prestazione sia sulle reali possibilità di portare a casa il risultato. Infatti la Roma, soprattutto nel primo tempo, ha tenuto bene le accelerazioni sulla fascia e le giocate di CR7, tanto criticato dai giornalisti spagnoli alla vigilia dell’incontro per i suoi mancati goal in trasferta.

Leggi anche:  Padova: una sconfitta che deve far riflettere

E così Cristiano Ronaldo ha pensato bene di zittire tutti e rispondere sul campo, con un goal da fuori classe, in cui ha influito una buona dose di fortuna per il tocco accidentale di Florenzi che fa impennare il pallone sotto la traversa. E’ il 57° quando nel buon momento della Roma il portoghese mette il suo sigillo, una beffa per la squadra di casa che in quella fase dell’incontro si stava esprimendo al  meglio, anche e soprattutto grazie ai guizzi sulla fascia di Mohamed Salah, al quale è mancato solo il goal, e forse troppo spesso l’ultimo controllo per completare l’opera e andare in rete. E’ comunque il migliore in campo tra i giallorossi, perché pur essendo stato poco incisivo negli ultimi 20 m, ha messo sempre in difficoltà la difesa avversaria.

Sfortunata la squadra di mister Spalletti, soprattutto nei due episodi nell’area di rigore, durante i quali l’arbitro Kralovec non ha concesso il penalty, né per il fallo del portiere dei merengues su El Shaarawy, né per l’entrata di Carvajal ai danni di Florenzi, entrambi nella ripresa. Non a caso l’arbitro ceco ne esce come peggiore in campo, tra la furia dei tifosi giallorossi.

Leggi anche:  Fiorentina: Prandelli stecca al debutto

La beffa si completa al minuto 86, quando Jese mette a segno il secondo goal che chiude definitivamente la partita e lascia sullo score del tabellone in curva un risultato bugiardo e nei tantissimi tifosi della Roma l’amaro in bocca per una sconfitta troppo pesante se paragonata all’impegno messo in campo. Un goal avrebbe certamente attestato la buona partita dei giocatori di casa e il loro grande sforzo. I tifosi romanisti battono le mani ai loro giocatori, inneggiano e incoraggiano la squadra uscendo dallo stadio a testa alta.
Finalmente la Roma ha giocato 90 minuti degni del palcoscenico europeo.

Nel post-partita Luciano Spalletti parla ai microfoni dei giornalisti, si dice soddisfatto dei suoi giocatori e un po’ amareggiato per il risultato poco veritiero. Alla stampa che consiglia lui di far marcare Ronaldo da 3 dei suoi giocatori per il ritorno al Santiago Bernabeu, l’8/3/2016, risponde deciso: “Non lo farò mai, significherebbe dire a ognuno di loro che valgono un terzo del portoghese.” 

Grinta e coraggio quindi, la qualificazione è difficile, ma la squadra italiana ripartirà dalla partita di ieri con maggiore consapevolezza dei propri mezzi. “A differenza del Real non siamo stati bravi a concretizzare”, dice Spalletti, che si prende subito le sue responsabilità, affermando che dovrà lavorare di più per essere più cinici sotto porta.
Parla anche il presidente della Roma James Pallotta – «Non sono assolutamente scontento, la squadra ha giocato alla grande e io sono orgoglioso dei ragazzi.”
“…Sono molto entusiasta del nostro staff tecnico. Non potrei essere più felice per come hanno lavorato nell’ultimo mese.»

Leggi anche:  Lazio, caos per Luis Alberto: Lotito e Peruzzi litigano

Ora testa a domenica e alla partita di Palermo, per conquistare altri tre preziosi punti in vista della Champions della prossima stagione.

Guarda gli highlights della partita di ieri. https://www.youtube.com/watch?v=kdWgw7MvY48

 

  •   
  •  
  •  
  •