Roma, Spalletti: “Totti? Domani può essere titolare. De Rossi…”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

spalletti

Giorno di vigilia a Trigoria per la Roma che domani affronterà nel posticipo il Palermo del rientrante Beppe Iachini. Oggi ne ha parlato nella consueta conferenza stampa Luciano Spalletti, ecco le sue parole:

Sulla gara persa con il Real: “Abbiamo analizzato le cose buone e quelle meno buone della gara con i ragazzi e si riparte da questo. Alcune cose vanno migliorate velocemente”.

Sulla squalifica di Zarate e le parole di Sousa: “Devo ribadire alcune cose già dette. Mi sembra che Paulo Sousa sia una bella persona, un grande campione e un buon allenatore. E proprio per il suo passato in Italia le cose le sa e quello che dice lo dice perché lo sa. Se lo dice lui è così. Io non sono mai stato un calciatore importante come lui”.

Sull’infortunio di De Rossi: “Purtroppo il suo infortunio me lo sento addosso perché quando metti in campo un giocatore e dopo 10 minuti si fa male vuol dire che c’era da tenere in considerazione qualcosa e io non l’ho fatto. Non cerco scuse perchè sono io che faccio certe scelte e me ne assumo la responsabilità. Perdiamo un giocatore importante, ma abbiamo le possibilità di sostituirlo. Possiamo contare su Vainqueur e inoltre da domani tornerà ad allenarsi con noi Strootman. C’è anche Keita che può fare bene in mezzo”.

Leggi anche:  Infortunio Belotti, il Torino pronto a recuperare il Gallo: salterà la Coppa Italia, ma ci sarà con la Sampdoria

Sullo stato della squadra: “Mi aspettavo di poter incidere un po’ di più a livello nervoso specialmente all’inizio, invece ci abbiamo messo qualche giorno in più per farlo. Sono abbastanza contento del lavoro della squadra”.

Su Pjanic e Totti: “Miralem è un giocatore che ha qualità immense, ma è vero che contro il Real ha giocato sotto il suo livello pur correndo tanto. Ha dovuto fare quello che speravo non succedesse perchè volevo avere maggior possesso palla degli avversari per fare meno fatica. Invece il Real ha comandato il gioco e noi ci siamo dovuti adeguare coi centrocampisti che dovevano allargarsi per coprire e questo ha fatto disperdere energie a Pjanic. La sua prestazione si può leggere così, ma lui può fare di più. Per quanto riguarda Totti l’abbiamo fatto scaldare come altri giocatori, poi ho chiesto al mio collaboratore di chiamarlo, ma forse non ha sentito. Tutto normale”.

Leggi anche:  Roma,Brighi: "Quella sera di Cluj fu un sogno"

Su Dzeko: “Quando si è in una squadra come la Roma è normale che qualcuno debba restare fuori e so che non possono essere felici di questo. A me fa piacere che lui o altri ci siano rimasti male perché questo vuol dire che hanno voglia di dimostrare il loro valore. Domani può giocare come possono giocare altri”.

Su Castan e Iago Falque: “Iago finora è rimasto a fare dei lavori in più perché sentiva il bisogno di incrementare la sua condizione fisica. E’ un buon giocatore perché può fare più cose e più ruoli. Lo tengo in considerazione come tutti gli altri. Leo sta lavorando molto bene per recuperare al meglio, lo valuto a seconda di quello che vedo sul campo di allenamento. Cerco di badare all’evidenza dei fatti e questo vale per tutti perché voglio il bene della Roma. Sono qui per questo, la Roma è la cosa più importante”.

Sui tifosi: “Siamo fortunati ad avere un patrimonio importante rappresentato dai 60 mila dell’altra sera. E dobbiamo coltivarlo e tenerne conto”.

Leggi anche:  Dove vedere Torino-Virtus Entella Coppa Italia, streaming gratis e diretta tv Rai 2?

Su Salah: “Ha uno scatto bruciante e lo riesce a mantenere, ma questo a volte gli costa qualcosa in termini di lucidità. Non ha attraversato un bellissimo periodo dal punto di vista fisico e si è visto. Ha personalità e sa scegliere bene cosa fare perché ha un bel piede e dispiace che in qualche situazione non abbia fatto gol”.

Ancora su Totti: “Considero Totti un calciatore e lo valuto al pari degli altri. ed è importante che lui senta questa cosa perché il nostro obiettivo sono i risultati e per ottenerli devo mettere in campo quelli che ritengo migliori. Sono convinto che possa dare un immenso aiuto come qualità alla nostra squadra e deve farlo dentro il gruppo, non deve restare troppo distante perché sennò gli altri non riescono a seguirlo. Lui ha bisogno del gruppo. Si sta allenando bene, con continuità e a parte qualche acciacco non ha grandi problemi, secondo me è pronto per giocare da titolare domani e questo non esclude però l’impiego di Dzeko. Potrebbero giocare anche entrambi”.

 

  •   
  •  
  •  
  •