Serie A: ora Genoa e Sampdoria rischiano seriamente la retrocessione

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

Stadio_di_Marassi-_la_curva_SudIl successo del Frosinone ad Empoli ha di fatto riaperto la lotta per non retrocedere, che fino a qualche settimana fa sembrava già chiusa.

Gli uomini di Stellone però non si danno per vinti e hanno messo nel mirino Genoa e Sampdoria entrambe con appena tre punti di vantaggio sui ciociari.

I rossoblu non vincono dal 17 gennaio, quando si imposero per 4-0 sul Palermo e nelle ultime uscite hanno palesato difficoltà evidenti a creare occasioni da rete.

Ancora più disastrosa per certi versi la situazione dei doriani. L’arrivo in panchina di Montella ha portato solo due vittorie in tredici incontri disputati (di cui una proprio nel derby).

La stagione passata, quando all’ombra della Lanterna ci si giocava l’Europa sembra lontana anni luce, adesso la realtà dice che l’obiettivo è la permanenza nella categoria.

Leggi anche:  Morte Maradona, le reazioni social: "Per sempre. Ciao Diego"

Certo sulla carta le rose delle squadre genovesi sono superiori a quelle di Frosinone e Carpi, però quando ci si ritrova in questa condizione di classifica a metà febbraio bisogna andarci coi piedi di piombo.

Infatti Genoa e Sampdoria non sono abituate a doversi giocare la salvezza fino alla fine e questo potrebbe portare (e in parte già porta) ad una maggiore insicurezza anche in partite più alla portata. Le altre concorrenti invece già ai nastri di partenza erano ben consapevoli del loro destino e dunque non hanno la preoccupazione di dover essere già ora in una posizione di classifica tranquilla.

Dal canto loro Gasperini e Montella hanno il vantaggio di potersi giocare in casa lo scontro diretto con la compagine laziale e di questi tempi non è proprio un aspetto secondario.

Leggi anche:  Morte Maradona, tampone negativo per Diego Jr: parte per l'Argentina

Bisognerà però cambiare qualcosa, soprattutto dal punto di vista dell’atteggiamento, che per forza di cose deve essere più propositivo, onde evitare che il derby di ritorno (in programma l’8 maggio) non diventi un autentico spareggio per evitare la Serie B.

  •   
  •  
  •  
  •