Sinfonia Roma: Luciano Spalletti suona la sesta

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

spallettiEmpoli. Finisce la partita e Luciano Spalletti saluta contento.
La Roma ha appena vinto 3-1 ad Empoli, frutto di una bella gara che neanche la fantozziana autorete di Zukanovic ha saputo rovinare.
Luciano Spalletti ha gridato, comandato, sollecitato, redarguito, elogiato i suoi ragazzi per tutti la partita. Uno show con un paio di video destinati a diventare virali, a Szczesny e ad El Shaarawy. Ha diretto e sta dirigendo la squadra giallorossa in piena armonia, come dirà uscendo dal campo il bosniaco Pijanic.
La Roma ha messo la sesta, sta dimostrando del gioco e delle idee e una sicurezza venuta a mancare nell’ultimo periodo di Garcia e che sta piano piano ritrovando.
Spalletti ringrazia il presidente dell’ Empoli Corsi, il pubblico di casa e il giudice sportivo.
Grazie alla sua firma sono rimasti a casa Riccardo Saponara e Lorenzo Tonelli, faro del centrocampo azzurro empolese e cardine della difesa.
Empoli senza un vero ispiratore. Massimo Maccarone prova a fare tutto da solo, sfidando spesso in velocità Rudiger ma, episodio dell’autogol dell’1-1 a parte, poco ha potuto ed è stato poco coadiuvato da Skorupski, incerto sui gol presi dalla Roma.
Altra caratteristica del nuovo ciclo di Spalletti, la presenza e la concentrazione dei giocatori che sono più partecipi nelle varie fasi di gioco e riescono a tamponare situazioni difficili.
Tutti a remare dalla stessa barca anche e soprattutto chi gioca poco, Iago Falque,  o subentra, Edin Dzeko. Corse e rincorse, pressing e ripartenze.
E allegria in panchina, con Totti mattatore e uomo squadra, almeno in queste trasferte.
Adesso il ciclo delle squadre abbordabili è finito, pronti a sfidare il Real Madrid e poi tutte le pretendenti al secondo e terzo posto, Fiorentina Napoli e Inter.
Serviranno prestazioni importanti per valutare le ambizioni.
Certo è che i presupposti sembrano essere buoni.

Leggi anche:  Ilicic, l'inizio di una redenzione atalantina. Gasperini punta su di lui
  •   
  •  
  •  
  •