Stevan Jovetić da desiderio a indesiderato per Roberto Mancini

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

stevan jovetic
Quando l’estate scorsa Stevan Jovetić approdò a Milano alla corte di Roberto Mancini che già l’aveva allenato a Manchester per i tifosi nerazzurri sembrava iniziare un periodo nuovamente radioso, non come quello del triplete, ma sicuramente migliore di quello iniziato con Gasperini, e nei mesi autunnali tutto sembrava girare per il verso giusto ma nei mesi di gennaio e febbraio Jovetic e gli altri attaccanti slavi, come Perisic e Ljajic, fortemente voluti dal tecnico di Jesi e costati un bel po di denaro (escluso Ljajic che dovrebbe essere saldato a fine anno), sono finiti in panchina, come giocatori sgraditi a Roberto Mancini, come era già accaduto l’anno scorso per Shaqiri e Podolski, richiesti a grande voce per poi limitarsi a fare fugaci comparse prima di essere definitivamente scaricati a giugno.

Roberto Mancini non gradisce rimproveri

A quanto pare, da quanto si capisce dagli ambienti giornalistici vicini ai nerazzurri, il tecnico Roberto Mancini non gradisce opposizioni al suo operato ed esautora chiunque si metta nello spogliatoio contro di lui per un qualsiasi motivo, anche per lamentele a causa di mancati o scarsi impieghi, come è accaduto per l’appunto l’anno scorso a Shaqiri, che sicuramente non era un giocatore scarso ma che non ha mai saputo legare con il tecnico jesino. La cosa è comunque inacettabile per una grande società come è, o almeno era, l’Inter, in quanto i soldi spesi dovrebbero essere ricambiati con dei risultati soddisfacenti, cosa che manca totalmente in questa nuova Inter di Thohir.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic: esami in corso, si teme stiramento

Thohir da fiducia a Roberto Mancini

La fortuna del tecnico Roberto Mancini è che ancora può contare, almeno fino a quando esistano le possibilità per l’approdo in Champions, sulla fiducia del buon Thohir, che forse si fida troppo dell’ex tecnico di Manchester City e Galatasary, che certamente in questo anno e mezzo non ha saputo dimostrare nulla, o quasi, del suo lavoro, nonostante l’esoso stipendio che riceve ogni mese (si tratta dello stipendio più alto dell’intera Serie A per quanto riguarda i tecnici).

  •   
  •  
  •  
  •