Torino – Chievo: 1-2 Fa tutto il Toro, autogol ed errori, Ma i clivensi sono super per gioco e sostanza

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui
FOTO DI MASSIMO RANA

FOTO DI MASSIMO RANA

Torino – Chievo: 1-2. Fa tutto il Toro, autogol ed errori, ma i clivensi sono super per gioco e sostanza

24esima giornata campionato serie A – 2015 / 2016

Tabellino, Commento, Statistiche di:

TORINO – 1 CHIEVO  – 2

  LE RETI:

 18′ Benassi  34′ autogol di Bruno Peres, 71′ Birsa

             AMMONITI TORINO                                                           AMMONITI CHIEVO

 Immobile al minuto 25′  Gobbi al minuto 11′
 Benassi al minuto 45′  Dainelli al minuto 27′

SOSTITUZIONI TORINO:

Minuto:  57  Esce Obi dentro Farnerud
Minuto:  60  Entra Maxi Lopez per Andrea Belotti
Minuto:  72′  fuori Benassi dentro Vives

SOSTITUZIONI CHIEVO:

Minuto:  46  esce Dario Dainell  entra Federico Spolli
Minuto:  62  esce Mpoku entra Floro Flores
Minuto:  80  esce Birsa entra Costa

PRESENTAZIONE:

La squadra di Ventura e contrapposta alla squadra di Maran da un solo punto in classifica e con un cammino  delle ultime giornate quasi identico. 3 punti nelle ultime 4 partite per i granata, 1 nelle ultime 4 per i clivensi. La sfida di oggi è molto importante per le due compagini che hanno bisogno di punti assolutamente per raggiungere prima possibile i rispettivi obiettivi stagionali che per il Chievo e la salvezza, mentre il Torino ha dovuto cambiare in corsa i propri traguardi, da probabile protagonista a comparsa in questo ultimo periodo.

LA SCELTA DEGLI ALLENATORI:

Nel Torino ci sono assenza importanti special modo a centrocampo dove Ventura, non avrà a disposizione Acquah e lo squalificato Baselli. Spazio quindi quasi obbligato a Gazzi, Obi e Benassi dal primo minuto. In attacco sembra quasi inamovibile la coppia Immobile e Belotti anche perché dopo la doppietta di Genova contro la Samp sembra avere più forza nelle gambe, con Martinez che è fuori per infortunio e Lopez non al meglio della forma. La difesa è il punto fermo del Torino e di mister Ventura che conferma tutto con il rientrante Padelli Glik al centro con Moretti e Maksimovic ai lati mentre le fasce saranno presidiate da Zappacosta e Bruno Peres.

Il Chievo Verona non se la passa bene a livello di infortuni. Infatti la lista degli indisponibili lunghissima per Maran. Out per squalifica Nicola Rigoni; per infortunio Pepe, Gamberini, Hetemaj, Izco e Meggiorini, oltre quasi certamente a Bizzarri e Floro Flores. Tra i pali ancora l’ottimo Seculin dietro con Gobbi e Frey, con Dainelli e Cesar centrali. Scelte praticamente obbligate in mediana con Pinzi, Radovanovic e Castro, con Birsa a supportare l’azione di M’Poku e Inglese.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic: esami in corso, si teme stiramento

LE FORMAZIONI:

Torino-3-5-2: Padelli, Peres, Moretti, Glik, Avelar, Obi, Gazzi, Maksimovic, Benassi, Belotti, Immobile. A disposizione: Ichazo, Castellazzi, Molinaro, Zappacosta, Farnerud, Jansson, Vives, Silva, Lopez. Allenatore: Giampiero Ventura.

Chievo-4-3-1-2: Verona: Seculin, Frey, Dainelli, Cesar, Gobbi, Castro, Radovanovic, Pinzi, Birsa, Mpoku, Inglese. A disposizione: Bressan, Bizzarri, Sardo, Spolli, Costa, Damian, Pellissier, Floro Flores. Allenatore: Rolando Maran

Arbitro:

A dirigere l’incontro Gianluca Rocchi, della sezione AIA di Firenze, i suoi assistenti i signori Preti e Prenna, quarto ufficiale il signor Tasso e per chiudere gli arbitri addizionali di porta saranno i signori Cervellera e Ghersini

LE STATISTICHE OPTA

Nella gara d’andata, Il Chievo si è imposto 1-0 mettendo fine a una striscia di otto match senza vittorie contro il Torino (4N, 4P).

Inoltre, prima del gol-partita Lucas Castro, i veneti non segnavano da tre incontri di campionato con i granata.

Nei sette precedenti giocati a Torino contro il Chievo in Serie A, i granata sono sempre andati a segno e hanno sempre mantenuto l’imbattibilità: cinque le vittorie, due i pareggi.

Il Torino ha vinto solo una delle ultime nove partite di Serie A (quattro pareggi, altrettante sconfitte).

Non va meglio il Chievo, uscito sconfitto in tutte le ultime tre giornate di campionato, senza segnare alcun gol nelle ultime due.

I granata non hanno trovato la rete in tre delle ultime quattro gare casalinghe; nell’altra ne hanno segnate quattro (contro il Frosinone).

I veneti non pareggiano da nove trasferte di campionato: tre le vittorie, sei le sconfitte.

Andrea Belotti ha partecipato attivamente a tutti gli ultimi sei gol del Torino in campionato (cinque gol e un assist).

All’esordio in Serie A, contro l’Inter a San Siro, Andrea Seculin ha parato sette degli otto tiri subiti nello specchio, l’87.5%: vanta così la più alta percentuale per un portiere in questa Serie A.

Leggi anche:  Piccinini su Conte: "L'Inter non ha avuto ferocia? Troppo semplice. A questo punto anche io potrei fare l'allenatore"

Maxi López ha segnato quattro reti ai veneti (solo al Cesena ne ha rifilati di più, sei), tra cui una delle sue quattro doppiette in Serie A.

IL RACCONTO DELLA PARTITA IN UN MINUTO:

Primi minuti iniziali con le solite fase di stallo della partita, con le squadre che sono impegnate nella cosidetta fase di studio dove non succede praticamente nulla di interessante. La prima emozione della partita arriva in coincidenza con la prima vera azione da rete ed arriva precisamente al minuto 18′. Da una partenza super di Immobile dalla sinistra, si accentra verso la porta del Chievo in area è appostato Belotti che manca la sfera, da dietro arriva il compagno Benassi che scocca un tiro ed insacca dove non ci arriva l’estremo difensore clivense. Granata in vantaggio per la festa dell’Olimpico. Supremazia territoriale a favore dei padroni di casa, con gli ospiti che non riescono a costruire una giocata degna di nota fino  al minuto 23′ arriva la timida reazione della squadra di Maran, che è tutta in un passaggio in profondità di Mpoku per Castro, che viene anticipato provvidenzialmente da Padelli. al 34′ arriva il pareggio del Chievo. Fa tutto il Torino con il classico degli autogol con Bruno Peres, il brasiliano, nel tentativo di anticipare Castro, devia il passaggio di Inglese quel tanto che basta per trafiggere l’incolpevole Padelli. Gara molto equilibrata tra Torino e Chievo con la squadra di Ventura  e stata brava a sfruttare le fascie laterali dove il Chievo  e andato  spesso in difficoltà. Dopo il gol i granata si sono disuniti  concedendo più campo e manovra al Chievo è negli ultimi 25 minuti i clivensi rientrano in partita  impadronendosi del centrocampo e alzando il proprio baricentro e bloccando le incursioni dei granata.  E dopo tanta pressione alla rete di Benassi è lo stesso Torino a regalare il pari agli ospiti con autogol di Peres. Finisce così un primo tempo dove si sentono ancora fischi  da parte dei tifosi del toro,  che si aspettavano un altro tipo di performance ed invece si rientra ancora una volta negli spogliatoi con un pareggio e poco tranquillità per la gioia di Ventura.
LA RIPRESA
Il secondo tempo inizia come la prima parte senza giocate interessanti ne da una parte ne dall’altra, ma fioccano gli errori sponde granata. Infatti al minuto 48′ e BIRSA che preoccupa la difesa del Torino con Gazzi che perde un brutto pallone sulla sua trequarti, ma per sua fortuna Moretti s’immola sulla conclusione di Birsa con la palla che sorvola la traversa. Al 58′ risponde Benassi che riceve palla da Immobile e con un diagonale, che sfila di poco a lato del palo alla destra di Seculin, per poco non firma la personale doppietta. Poi è Avelar che ci pensa a scaldare l’Olimpico regalando un netto rigore mandando a tappeto Castro dopo che non è riuscito a fermarlo. Sul dischetto si presenta Birsa che spiazza Padelli e porta in vantaggio il Chievo meritatamente. Un’altra gara che il Torino non solo ha saputo chiudere ma addirittura perdere a causa anche dei gravi errori e regali concessi al Chievo che vince non rinunciando mai al gioco. Indecifrabile ancora una volta il Torino e Ventura che anziché azzardare con una diretta pretendente a questo punto alla tranquilla salvezza, si chiude e difende mentre. Maran oltre alla lezione tattica al collega Ventura dimostra mentalità e gioco vincente in ogni partita che fin qui ha fatto del Chievo una bella squadra spigliata e gradevole per tutti i novanta minuti al contrario del Torino brutto e poco incisivo quando serve.

Leggi anche:  Prva Liga croata: l'Osijek ferma la Dinamo Zagabria, rinfrancando tutti
TORINO: 1                              CHIEVO:2

 

Le statistiche della partita
52 % POSSESSO PALLA 48 %
12 TIRI 8
3 TIRI IN PORTA 3
25 FALLI 18
6 CALCI D’ANGOLO 2
2 PARATE 3
3 FUORI GIOCO 1
3 CARTELLINI GIALLI 3
CARTELLINI ROSSI

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,