Udine sede dell’amichevole Italia vs Spagna: città, stadio, info turistiche e acquisto biglietti per la gara con riduzioni fino al 50%

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui

cartolina-A-UDINE-1-640x427
Udine sede dell’amichevole Italia vs Spagna: città, stadio e info turistiche e acquisto biglietto per la gara con riduzioni fino al 50% leggi come! Guarda le foto dello Stadio di Udine e sede ritiro Azzurri in Francia

Giovedì 24 Marzo ore 20.45 è in programma l’affascinante amichevole tra gli Azzurri di Conte e la Spagna detentrice del trono europeo, tappa importante della “Road to Euro 2016”. A ospitare questo imperdibile appuntamento sarà la città di Udine, capoluogo del Friuli-Venezia Giulia.

INFO BIGLIETTI per Italia-Spagna a Udine

Sarà lo Stadio Friuli di Udine ad ospitare giovedì 24 marzo ore 20.45 l’amichevole di prestigio tra la Nazionale di Antonio Conte e la Spagna Campione d’Europa in carica, tappa di avvicinamento al Campionato Europeo in programma a giugno in Francia. Gli Azzurri torneranno in campo a quattro mesi di distanza dall’ultima amichevole disputata al ‘Dall’Ara’ di Bologna contro la Romania (2-2).

Udine ha sempre portato fortuna all’Italia, che ha collezionato 5 successi e un pareggio nei 6 incontri disputati in questa sede.

L’ultima gara andata in scena nello stadio friulano risale al 10 settembre 2008 e vide la Nazionale imporsi per 2-0 sulla Georgia in un incontro valido per le qualificazioni al Campionato del Mondo 2010.

I tagliandi per assistere al match con la Spagna sono in vendita presso i punti TicketOne sparsi sul territorio nazionale e on-line su questo sito (clicca qui).

Tante le promozioni messe in campo dalla FIGC: biglietti a prezzo ridotto sono riservati alle donne, agli Over 65 (nati prima del 24 marzo 1951), ai ragazzi fino ai 18 anni (nati dopo il 24 marzo 1998) e ai possessori della Card ‘Vivo Azzurro’. I biglietti ridotti Under 12 (nati dopo il 24 marzo 2004) saranno acquistabili solo presso i punti vendita a fronte dell’acquisto obbligatorio di un biglietto intero o ridotto donna o ridotto Over 65.

I prezzi dei biglietti, ai quali vanno aggiunti i diritti di prevendita, sono i seguenti:

TRIBUNA CENTRALE Euro   60,00

TRIBUNA CENTRALE RIDOTTO Euro   30,00

TRIBUNA LATERALE Euro   50,00

TRIBUNA LATERALE RIDOTTO Euro   25,00

DISTINTI Euro   40,00

Leggi anche:  Inter, Eriksen addio a gennaio: sul danese arriva l'Arsenal

DISTINTI RIDOTTO Euro   20,00

DISTINTI RIDOTTO UNDER 12   Euro 8,50

CURVE Euro   20,00

I diversamente abili potranno fare richiesta di accredito nel periodo compreso dal 29 febbraio al 20 marzo, e comunque fino ad esaurimento dei posti disponibili, collegandosi al link https://accreditations.figc.it/dise/, a condizione di essersi registrati sullo stesso link entro il 28 febbraio, seguendo le procedure riportate.

I titolari delle tessere federali e delle tessere Coni valide per il 2015 potranno ritirare la contromarca del posto a presentazione della tessera personale fino ad esaurimento dei posti disponibili, presso il botteghino dello Stadio Friuli all’incrocio tra Viale Candolini e Via F.Candonio il giorno 23 marzo dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18.

GEOGRAFIA E STORIA

La città è situata nel centro della Regione friulana, a circa 20 km dal confine sloveno e a poco più di 50 km da quello austriaco, una posizione strategica sull’intersezione dei cosiddetti “Corridoio 5” e “Corridoio Baltico-Adriatico”. Sorge in alta pianura e la sua popolazione si aggira sui 100.000 abitanti. La sua importanza storica crebbe attorno all’anno 1000, in corrispondenza del declino della vicina Aquileia. Fu allora che l’imperatore Ottone II donò alla città un castello, divenuto residenza dei Patriarchi di Aquileia a partire dal XIII secolo. Il nome della città ha origini non chiare, forse connesse al culto delle ninfe undine risalente al periodo pre-romano. E’ però con le Guerre di Indipendenza che la città è chiamata a rivestire un ruolo di storica importanza: nel 1848 ci fu un’insurrezione contro gli austriaci che portò all’insediamento di un governo provvisorio guidato da Carlo Zucchi, un focolaio che venne spento nel sangue dall’esercito asburgico. Risale al 1866 la sua annessione al Regno d’Italia e durante la prima Guerra Mondiale, sino alla disfatta di Caporetto, è stata sede del Comando militare italiano. Anche il secondo conflitto mondiale interessò molto da vicino la città giacché, a partire dal 1943, fu posta sotto l’amministrazione militare del III Reich, che per il suo posizionamento strategico la elesse ad avamposto delle operazioni sul litorale adriatico. Le vicende più recenti sono tristemente legate al disastroso terremoto che colpì l’area friulana nel 1976 e le operazioni di riorganizzazione del post-sisma portarono all’istituzione della Protezione Civile.

Leggi anche:  Maradona è andato dal "Barba", basta coi moralismi

UDINE CITTA
MONUMENTI E LUOGHI D’INTERESSE TURISTICO

Dal punto di vista topografico la città ha la tipica architettura medievale, sviluppata in aree concentriche sorte attorno al Castello; si possono contare i resti di ben 5 cerchie murarie, costruite a partire dal X secolo con 3 rogge (delle originarie 6) che attraversano la città. Oltre al maniero, si segnalano per il loro pregio artistico anche la Loggia del Lionello e la Loggia di San Giovanni con la Torre dell’Orologio, senza dimenticare il Duomo di Santa Maria Annunziata, la Chiesa di Sant’Antonio Abate ed i numerosi palazzi edificati tra ‘800 e ‘900 che dominano il centro storico.

CUCINA TIPICA LOCALE

La cucina friulana è caratterizzata da pietanze sostanziose come la polenta, il frico, minestre e minestroni di vario genere. La macellazione del maiale è un’eccellenza del territorio (vedi il famosissimo ed autoctono Prosciutto San Daniele) la cui gastronomia ha anche delle minime influenze slave e triestine. Il Friuli è una delle culle della produzione vinicola italiana: Pinot, Cabernet, Melot e grappe hanno le proprie radici affondate su questo territorio.

STADIO FRIULI FIGC FOTO

LO STADIO “FRIULI”

Il teatro destinato ad ospitare l’amichevole Italia-Spagna sarà appunto il “Friuli” di Udine. Casa dell’Udinese, è stato inaugurato nel 1976 e ristrutturato per il Mondiale di Italia ’90. Totalmente riprogettato ad ampliato negli ultimi 24 mesi per consentire l’intera copertura di tutte le tribune, l’implementazione di aree hospitality e soprattutto l’eliminazione della pista di atletica, oggi può ospitare oltre 25.000 spettatori. Le porte di questo impianto all’avanguardia sono state aperte al pubblico per la prima volta il 17 Gennaio scorso, in occasione del match di campionato tra Udinese e Juventus. I naming rights sono stati acquisiti da Renault Italia che ha deciso di attribuirgli il nome di “Dacia Arena”.

RITIRO AZURRI
EURO 2016: La FIGC conferma Montpellier come sede del ritiro degli Azzurri in Francia

Sarà Montpellier la sede del ritiro della Nazionale italiana in occasione della Fase Finale del Campionato Europeo di Francia 2016. La FIGC ha ufficialmente confermato l’opzione già comunicata alla UEFA nei mesi scorsi.

Leggi anche:  Fiorentina: la vittoria di Udine riporta il sereno in casa viola. Prossimo turno sempre al Franchi

Nella capitale della regione di Linguadoca-Rossiglione e del dipartimento dell’Hérault, gli Azzurri si alleneranno presso il centro sportivo del ‘Montpellier Hérault Sport Club’ a Grammont e alloggeranno presso il ‘Courtyard by Marriott Hotel’. Situata nel sud del Paese, Montpellier è oggi l’ottava città della Francia per popolazione ed è un centro universitario di prestigio che ospita migliaia di nostri connazionali.

“La qualità delle strutture – sottolinea il Presidente della FIGC Carlo Tavecchio – soddisfa pienamente le nostre esigenze e permetterà al Ct e alla squadra di poter lavorare nel migliore dei modi. La calorosa accoglienza ricevuta dalle istituzioni locali nel corso dei sopralluoghi effettuati in questi mesi, la professionalità e la disponibilità mostrate dal Montpellier HSC e la presenza di una numerosa comunità italiana nell’area rappresentano una garanzia del legame tra la città e la Nazionale, un coinvolgimento che sono convinto potrà contribuire a infondere ulteriore entusiasmo nei nostri ragazzi”.

Dopo la visita del Ct Antonio Conte a dicembre, la Federcalcio ha avviato il processo organizzativo che dovrà preparare la spedizione: nelle scorse settimane, una delegazione della FIGC ha incontrato i rappresentanti della Ville de Montpellier, della Montpellier Méditerranée Métropole e quelli del club francese di Ligue 1. A breve saranno definite tutte le iniziative collegate alla permanenza della Nazionale e le sedi di ‘Casa Azzurri’ e del Media Centre.

In vista della Fase Finale del Campionato Europeo, che si svolgerà dal 10 giugno al 10 luglio, la Nazionale si radunerà presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano la settimana successiva al termine del campionato di Serie A e si trasferirà a Montpellier la settimana precedente l’esordio nel torneo contro il Belgio, in programma il 13 giugno a Lione. Gli Azzurri affronteranno poi la Svezia il 17 giugno a Tolosa e il 22 giugno se la vedranno con la Repubblica d’Irlanda a Lille. Fonte figc

  •   
  •  
  •  
  •