Ventura a Genova un Toro che scenda in campo per vincere!

Pubblicato il autore: Angelo Risso Segui

Sampdoria-TorinoArchiviate le amarezze di un calciomercato invernale in cui ci si attendeva qualche rinforzo in più, oltre a quello di Ciro Immobile (che di fatto ha sostituito Qugliarella) ora bisogna pensare al calcio giocato e domani sera contro la Sampdoria il Toro di Ventura ha la ghiotta occasione di sbancare Marassi e portarsi a casa tre punti importantissimi non solo per la classifica ma specialmente per il morale. Chiaro che non sarà per nulla facile, parliamo di due squadre che sulla carta hanno grandi mezzi ma che per motivi diversi non sono ancora riuscite ad esprimere le loro potenzialità.

Analizziamo qualche statistica per capire quale incontro potrà essere quello di domani sera :

I granata hanno vinto le ultime due sfide di Serie A con la Sampdoria e sono ben sette le reti segnate dal Torino in queste gare.

Tuttavia l’ultimo successo del Toro a Marassi in Serie A risale al lontano marzo 1993: quattro pareggi e cinque sconfitte da allora.

La Sampdoria è reduce da quattro sconfitte consecutive e, più in generale, ha perso otto delle ultime 11 partite di campionato, nelle rimanenti due vittorie e un pareggio.

Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quarta giornata e statistiche

Dall’esonero di Water Zenga, l’effetto Montella non si è di fatto ancora sentito.

I blucerchiati, però, hanno trovato il gol in ognuna delle ultime nove gare di campionato.

Nessuna squadra ha subito più gol della Sampdoria nella mezzora iniziale di partita: 14 reti.

La Sampdoria ha in compenso la più alta percentuale realizzativa in questo campionato (18.2%); il Torino invece è la squadra che vanta la migliore precisione al tiro (50.2.% quelli indirizzati nello specchio).

Roberto Soriano ha già stabilito il suo record di gol (sei) e assist (quattro) in una singola stagione di Serie A.

Andrea Belotti – che ha esordito in Serie A proprio contro la Sampdoria (agosto 2014) – ha messo lo zampino in tutti gli ultimi quattro gol del Torino (tre reti e un assist).

 

Sarà una sfida insomma in cui ora come ora diventa difficile fare un pronostico. Il Toro reduce dallo squallido pareggio casalingo contro il Verona vuole dimostrare di poter dire ancora la sua, mentre la Doria di fronte al suo pubblico non vuole rimediare la quinta sconfitta consecutiva.

Leggi anche:  Un Immobile infinito...

La chiave di lettura potrebbe essere proprio questa. I blucerchiati dovranno osare di più, aprendo magari spazi al Torino più abile nelle ripartenze veloci.

 

Gara sempre particolare questa per Mister Giampiero Ventura, genovese e come noto molto più che un semplice simpatizzante dei colori blucerchiati. Ma in questa occasione più che mai gli amori vanno mesi da parte ed il Toro dovrà scendere in campo per giocare una gara accorta ma nel contempo arrembante e determinata.

 

La Sampdoria di Montella ha cambiato tanto in questa sessione di mercato invernale, via Eder dentro Quagliarella proprio dal Torino. Per l’ex bomber granata non ci dovrebbe essere il debutto da titolare ma sicuramente Montella lo manderà in campo a partita in corso. Spazio invece agli altri nuovi acquisti dal primo minuto, ovvero Ranocchia e Dodò ex Inter e Sala ex Verona.

Dunque ricapitolando, difesa nuova per tre quarti nuova davanti al portiere Viviano: i terzini Sala a destra e Dodò a sinistra, mentre in mezzo Ranocchia affiancherà Moisander. Anche l’assetto dell’attacco cambia: ci attendiamo Ricky Alvarez e Correa alle spalle di Muriel, oppure Cassano. A centrocampo invece c’è un dubbio legato alle non perfette condizioni di Carbonero, che potrebbe essere sostituito da Ivan; sicuri del posto invece Barreto e Soriano. Sono squalificati Fernando e Silvestre, indisponibili Mesbah e De Silvestri.

Leggi anche:  Dove vedere Palermo Turris streaming e diretta Tv Serie C

In casa Toro invece le consuete certezze ed i soliti ballottaggi. In porta Padelli, difesa a tre con il rientrante capitan Glik centrale coadiuvato ai lati da Maksimovic a destra e Moretti a sinistra. In mediana torna Vives, con Baselli mezz’ala sinistra e dall’altro lato ballottaggio solito fra Benassi ed Acquah. Sulle corsie laterali, Giampiero Ventura potrebbe confermare Zappacosta a destra in un ottimo stato di forma e dirottare Bruno Peres a sinistra come fatto nella ripresa della partita contro il Verona. Infine in avanti confermatissima la coppia Immobile-Belotti, ma in panchina da segnalare il rientro di Maxi Lopez che a gara in corso potrebbe far rifiatare uno dei due attaccanti.

Ventura a Genova un Toro che scenda in campo per vincere !

  •   
  •  
  •  
  •