Allarme terrorismo, Suarez lascia l’Anderlecht e molti altri potrebbero seguirlo

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Allarme terrorismo, Suarez lascia l’Anderlecht e molti altri potrebbero seguirlo

L’allarme terrorismo ha sconvolto il mondo intero dopo i tragici fatti di ieri mattina a Bruxelles. L’ambiente del calcio e dello sport in generale ne ha risentito, al punto che tutte le partite previste sono state messe in discussione per motivi di sicurezza. I giocatori sono spaventati dai rischi che corrono e molti talenti del campionato belga potrebbero decidere di seguire l’esempio di Matias Suarez, che ha giugno lascerà l’Anderlecht. L’attaccante argentino ha rilasciato un’intervista a Diego Plaza del magazine El Chiringuito de Jugones en Atresmedia nella quale ha detto che è spaventato dal terrorismo e vuole lasciare l’Anderlecht prima della scadenza del suo contratto che sarebbe a giugno 2017.

Matias Suarez al momento degli attentati non era in casa

Matias Suarez al momento degli attentati si stava recando all’allenamento e ha appreso la tragica notizia alla radio in macchina. “Avevo paura per mia figlia e le ho telefonato per sapere come stava. Quello che è successo mi ha fatto molto paura. Il Belgio è un posto meraviglioso però ho già parlato con mia moglie e il mio agente e, per sicurezza, a giugno voglio andarmene”.

Allarme terrorismo, ecco chi potrebbe lasciare il Belgio

Molti altri giocatori del campionato belga potrebbero seguire l’esempio di Suarez e c’è il rischio che si ripeta quanto è accaduto durante la guerra in Ucraina del 2014, quando diversi calciatori dello Shakhtar Donetsk se ne sono andati. Tra i molti talenti che potrebbero lasciare il paese c’è Dennis Praet, ventunenne in scadenza di contratto a giugno 2017 sul quale hanno messo gli occhi molte squadre europee, tra cui Juventus e Napoli. Un altro giovanissimo che potrebbe interessare il campionato italiano è Youri Tielemans, seguito con attenzione anche da Liverpool e Chelsea. A quanto scrive Matteo Serra su calciomercato.com, altri nomi appetibili sono Frank Acheampong e Leander Dendoncker, ma soprattutto Stefano Okaka, che tornerebbe volentieri in Italia. I giocatori che potrebbero andare via dal Belgio sono parecchi e, fintanto che l’allarme terrorismo non sarà rientrato, il rischio che lascino anzitempo la squadra è elevato. Alcune partite inizialmente annullate si giocheranno ugualmente e le misure di sicurezza che verranno prese saranno ulteriormente innalzate, perché l’allerta è ancora massima. A rischio perfino gli Europei di calcio in Francia 2016, che potrebbero essere giocati a porte chiuse: anche se le ultime voci hanno smentito questo pericolo la situazione è in continua evoluzione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Bruscolotti e Taglialatela replicano a Cabrini: "Non ci può dare lezioni di vita, sanno tanto di pregiudizi"