Avellino-Ternana, Breda: “Non dobbiamo essere sereni, ma consapevoli”

Pubblicato il autore: Sabato Simone Del Pozzo Segui

696x391xRoberto-Breda-Ternana-696x391_jpg_pagespeed_ic_Qpkrxdi0Bu
Alla vigilia di Avellino-Ternana, sfida che chiuderà questa sera alle 20.30 il 32° turno del campionato italiano di Serie B, è intervenuto in conferenza stampa il tecnico degli ospiti Roberto Breda. L’ex calciatore della Salernitana, per questo non amatissimo in terra irpina, autore anche di un gol in un derby negli anni ’90, ha parlato del difficile momento che attraversano i suoi e, ovviamente, della gara di questa sera che può dare la possibilità alla Ternana di allungare la classifica.
I rossoverdi non vengono da un buon momento. Non vincono da quasi un mese. L’ultima vittoria 5 turni fa contro il Novara in terra piemontese. In quell’occasione grande prova degli uomini di Breda che, contro ogni pronostico, sbancarono il Piola di Novara. Da lì in poi, un serie di sconfitte consecutive (3) e un pareggio, nell’ultima, nello scontro diretto in casa contro il Latina finito 0-0.
Partita quella del Partenio-Lombardi complicata, ma che può portare ossigeno in casa Ternana, soprattutto perché le dirette concorrenti in zona salvezza continuano a steccare e la classifica rimane cortissima. Unica vittoria nelle parti buie della graduatoria è quella del Como che si impone per 2-1 a Modena.

Leggi anche:  Milan, tutti pazzi per Hauge: "Qui sono felice"

In conferenza, Roberto Breda interviene dicendo: “Abbiamo vissuto una settimana tranquilla, Falletti giovedì stava già meglio. Non dobbiamo essere sereni, ma consapevoli: i risultati positivi sono un’opportunità per allungare in classifica“.

Il tecnico degli umbri ha poi parlato degli avversari: “L’Avellino ha un attacco importante con Mokulu, Castaldo e Insigne, che sta crescendo. Manca Bastien che è in Nazionale, ma hanno pure Sbaffo. Insomma sono una squadra di livello con giocatori di peso. Magari la difesa non è allo stesso livello, ma hanno grande intensità e i loro tifosi li aiuteranno
Breda individua, quindi, il punto debole degli irpini: la retroguardia. Con i suoi 44 gol subiti, la difesa dell’Avellino è una delle più bersagliate del campionato. Per fortuna dei lupi, l’attacco funziona tanto da essere nei primi di Serie B.
La Ternana, invece, ha più difficoltà ad andare in rete (3 gol nelle ultime 5 e addirittura 1 solo gol realizzato nelle ultime 4 disputate), ma dimostra, rispetto agli avversari dell’Avellino, una maggiore solidità nel reparto arretrato. Non sono comunque pochi i gol incassati: 40.

  •   
  •  
  •  
  •