Birindelli: “Juve può sbancare l’Allianz Arena col punteggio di 2-1”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

birindelli

Manca un giorno alla super sfida di Champions League tra Bayern Monaco e Juventus, con ognuno che fa i suoi pronostici a seconda dei casi. Stavolta è tocca all’ex bianconero Alessandro Birindelli, che intervistato dal sito Tuttojuve.com ha detto la sua sul match di domani sera. Ecco le sue parole:

Buongiorno Alessandro, che idea ti sei fatto della partita che si giocherà domani sera?: “Sarà una partita molto importante per la Juventus, anche se i valori li abbiamo visti nella gara di andata. Il Bayern è una grande corazzata che ha una rosa di grandissimi campioni e può permettersi il lusso di far rifiatare qualche giocatore non perdendo efficacia, mentre il discorso è diverso per quanto riguarda la Juventus: una grandissima squadra a livello nazionale che ha dimostrato di esserlo anche in campo internazionale, ma manca ancora di qualche elemento di qualità che possa permettere di dar respiro agli undici che scendono regolarmente sul terreno di gioco”.

Leggi anche:  Moggi sulla morte di Maradona: "Chi lo insultava ora lo osanna. Mi fanno pena! Ecco alcuni retroscena su di lui"

Evra, recentemente, parlava della possibilità di poter vincere 1-0: “La Juventus ha la forza per poter vincere questa partita, infatti credo possa sbancare l’Allianz Arena col punteggio di 2-1. Affrontare il Bayern è sempre un’impresa ardua, ma sono proprio i bavaresi quelli che han più da perdere. Infatti credo che la Juve possa affrontare la sfida con più spensieratezza e in maniera più serena, cercando di osare qualcosa in più rispetto al match di andata dove i bianconeri hanno avuto all’inizio un po’ di timore”.

L’ultima volta che la Juve vinse in casa del Bayern, a decidere il match fu Alex Del Piero. Secondo te, domani sera potrebbe essere Dybala il Del Piero di allora?: “Sì, Dybala può essere il Del Piero di allora. Lo sta dimostrando dall’inizio del campionato, soprattutto da quando ha trovato molta continuità. E’ diventato nel tempo sempre più leader di questa squadra e non mi riferisco soltanto alla figura, ma lo affermo in base a ciò che la squadra riesce a fare quando lui è in campo. Con il Sassuolo, ha fatto delle giocate davvero spettacolari come quel tiro fatto all’inizio e ha rimesso diverse volte dei palloni in gioco che in realtà sembravano persi. Potrebbe essere un top player per tanti anni”.

Leggi anche:  Cruciani duro sulla morte di Maradona: "Non si può piangere per un cocainomane"

 La difesa potrebbe risultar decisiva nel corso del match?: “Nel secondo tempo della sfida con il Bayern, la Juve è stata avvantaggiata perchè ha iniziato a far correre i loro esterni. Bisognerà ripartire, a livello di atteggiamento, dagli ultimi venticinque minuti della sfida di andata”.

Chiudo la chiacchierata chiedendoti un ricordo di quella sfida a cui accennavo prima, quel Bayern-Juve 0-1 deciso da Alessandro Del Piero: “Quella partita ha qualche analogia con quella che si giocherà domani. E’ vero che erano tempi diversi, ma noi cercavamo di fare risultato contro una squadra che veniva da finali di Champions League e con giocatori di qualità. Quella Juve era una squadra discreta piena di campioni, ma tanti di loro erano ancora giovani e poco esperti. Affrontammo quella gara con il coraggio di chi cercava di imporsi, consci di poter diventare una squadra europea. Non avevamo pressione sul risultato, cosa che invece aveva il Bayern. Stessa convinzione di Evra? Sì, certo. Lui ha giocato tante partite europee e credo che, sotto questo aspetto, possa esser d’aiuto ai giocatori più giovani per poter affrontare questi tipi di partite”.

  •   
  •  
  •  
  •