Cosenza Lecce 3-4, le parole dei protagonisti

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

braglia
COSENZA LECCE, LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Piero Braglia, allenatore del Lecce: “Abbiamo giocato una buona partita, ma da quando sono a Lecce non mi era mai capitato di giocare una gara con una serie di errori come quelli commessi oggi contro il Cosenza. Alla ripresa degli allenamenti farò vedere ai miei giocatori gli errori commessi in fase difensiva al ‘San Vito’. La vittoria di oggi ci consente di proseguire per la nostra strada. La nostra è stata una prova di carattere, questo gruppo ha dimostrato di non mollare mai. E’ ancora più importante perchè arrivata contro una squadra forte come il Cosenza, che ti punisce con le ripartenze. Qui dovrà venire a giocare anche il Benevento, e incontrerà le nostre stesse difficoltà”.

Giorgio Roselli, allenatore del Cosenza: “Abbiamo giocato una grande partita, forse la migliore da quando siedo sulla panchina del Cosenza. Ma questo non ci ha permesso di portare a casa i tre punti, anche per colpa dei nostri errori in fase difensiva. Sapevamo che non sarebbe stato facile affrontare una grande squadra come il Lecce: hanno un grandissimo allenatore e se gli concedi qualcosa sono una squadra che non perdona. Loro ci hanno messo in difficoltà con le sovrapposizioni, poi la mia squadra è stata brava a prendere le misure. Purtroppo a fine gare c’è stata un po’ di tensione, Tedeschi si è fatto espellere dall’arbitro in maniera ingenua, ma non abbiamo detto nulla di che al direttore di gara”.

Stefano Trinchera, direttore sportivo del Lecce: “Abbiamo giocato una partita incredibile, sapevamo che sarebbe stata durissima su questo campo. Oggi la fase difensiva non è stata delle migliori, ma è normale concedere qualcosa all’avversario. Questa è una vittoria importate, da dedicare soprattutto ai nostri tifosi. Sono orgoglioso di questo gruppo, da chi scende in campo a chi va in panchina. Braglia conosce bene la categoria, da quando è arrivato ha cercato di responsabilizzare il gruppo facendo crescere l’autostima dei calciatori. Il merito di questo campionato è suo. Non volevamo dare nessun segnale al Benevento, ma ai nostri tifosi per dimostrare che ci giocheremo alla grande il campionato. Il nostro destino dipende solo da noi”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,