Di Francesco: “Juve? Spero pensi al Bayern. Milan? Mi riempie di orgoglio”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

Sassuolo's Italian coach Eusebio di Francesco reacts during the Italian Serie A football match between Roma and Sassuolo at the Olympic Stadium in Rome on September 20, 2015. AFP PHOTO / TIZIANA FABI

Sempre più protagonista il Sassuolo di mister Di Francesco che detiene il settimo posto in classifica. Proprio il tecnico dei neroverdi ha rilasciato una bella intervista al quotidiano Tuttosport dove parla del prossimo avversario, ovvero la Juventus e del suo futuro in panchina. Si parte dal match con i bianconeri: “Spero di trovare una Juve distratta dal Bayern. Andremo a giocare in casa della squadra migliore, la più forte, con una difesa che non prende gol da molto tempo. E con questo ho detto tutto. Panchina d’oro? Io ho votato per Montella ma non c’è dubbio che perAllegri sia un giusto riconoscimento. Ha saputo continuare nel modo migliore il lavoro cominciato da Conte. Non era facile né scontato dopo tre stagioni straordinarie. E’ stato davvero molto bravo. Il 2-2 dell’andata non è un risultato favorevole ma la squadra bianconera, con le sue potenzialità, la sua qualità, la sua mentalità può davvero andare a giocarsela. Certo, servirà un’impresa ma non è impossibile. Anche perché il Bayern è sì sempre fortissimo ma non è un ‘macigno’ come quello di qualche tempo fa”. Sulla possibile presenza di Zaza: “Mi auguro proprio di no. Ho sempre paura del gol dell’ex. Figuriamoci stavolta. Lo conosco bene, è cresciuto e migliorato ancora. Anche se non è mai facile quando non si gioca con continuità. Simone comunque quando è stato chiamato si è sempre fatto trovare pronto a livello di prestazioni e gol”. Europa League nel mirino? “Non è un obiettivo semplice, si pensi anche alla battaglia in corso per il 3° posto che riguarda Roma, Fiorentina, Inter. Ci sono insomma tante squadre più forti di noi, per adesso pensiamo solo a divertirci e a toglierci insieme ai nostri tifosi qualche bella soddisfazione. Senza dimenticare che siamo partiti con l’obiettivo della salvezza. Ora che siamo in una buona posizione non è facile chiedere di più ai miei ragazzi. Fare punti a Torino? Abbiamo disputato e vinto finora delle partite importanti contro avversari di spessore, noi siamo una squadra che predilige giocare e cerca di farlo sempre divertendosi. Speriamo che accada anche venerdì. Avremo diverse assenze ma proveremo come sempre a fare il nostro gioco”. Sugli apprezzamenti fatti dal Milan?: “Tutto questo mi riempie di orgoglio, vuol dire che il mio lavoro viene seguito e apprezzato. Ad ora però dico che sono soltanto chiacchiere che lasciano il tempo che trovano. L’unica certezza è che ho ancora un anno di contratto con il Sassuolo e ci sto bene. Tutto il resto non conta”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, Super CR7. Paratici: "Ronaldo resta a Torino"