Europa League: al via gli ottavi di finale

Pubblicato il autore: lorenzo caruso Segui

uefa-europa-league-trophy_3342485


Neanche il tempo di riprenderci dall’eliminazione della Roma in Champions League per mano del Real Madrid, che questa sera, divise in 2 differenti fasce orarie, vanno in scena le partite di Europa League. Siamo giunti agli ottavi di finale e tra una sorpresa e l’altra, anche quest’anno la prospettiva di vedere un’italiana sul tetto della seconda competizione europea per club, non sembra realizzabile; nei sedicesimi, abbiamo perso in un sol colpo Napoli e Fiorentina. Se per i toscani lo scoglio Tottenham sembrava effettivamente difficile da superare, per i partenopei, l’eliminazione per mano del Villarreal arriva come un vero e proprio fulmine a ciel sereno. Ed ecco quindi che le speranze italiche rimangono aggrappate alla Lazio, unica squadra ad essere ancora in corsa, dopo aver superato il Galatasaray con un netto 3 a 1 nel ritorno in casa (dopo l’1-1 di Istanbul).
Estraniandoci un attimo dal contesto prettamente italiano, andiamo ad analizzare insieme gli 8 scontri che questa sera promettono, soprattutto in terra britannica, di regalare diversi sussulti.
Ad andare in scena alle 19:00 saranno 8 squadre, 4 partite di alto livello tra le quali però spicca senza ombra di dubbio la sfida di Dortmund, tra Borussia e Tottenham.
Le due compagini arrivano allo scontro dopo aver entrambe mancato, nei rispettivi campionati, l’avvicinamento alla testa della classifica. Infatti, nell’ultimo turno la squadra di Aubameyang e soci non è andato oltre lo 0 a 0 nel match casalingo contro il Bayern Monaco, capolista della Bundesliga, che rimane a +5 punti dai gialloneri. Più o meno quanto successo anche al Tottenham di Pochettino, incappato nel 2 a 2 finale nel derby contro l’Arsenal e a – 5 punti dal Leicester, primo in classifica. Insomma, non propriamente il momento più felice per incontrarsi ma c’è da stare certi che se ne vedranno delle belle.
Oltre a questo big match, seguono allo stesso orario (19:00) altre 3 partite che regalano più di uno spunto: Basilea – Siviglia, Fenerbahce – Sporting Braga e Shakhtar Donetsk – Anderlecht.
L’abbuffata di partite continua poi con il turno delle 21:00, nel quale scenderanno in campo altre 8 squadre. Impossibile non aprire parlando del match di Praga tra Sparta Praga e Lazio. I biancocelesti volano in Repubblica Ceca con i favori del pronostico, ma occhio alle brutte sorprese (partite come Bate Borisov – Roma insegnano). Alla stessa ora si affrontano Athletic Bilbao e Valencia, per un “derby” tutto spagnolo. Gli uomini di Gary Neville arrivano all’incontro con un misero 11° posto nella Liga, addirittura a -10 punti dall’Athletic (6° in classifica a 44 punti) ma si sa, nei 180 minuti può succedere di tutto. Ancora in terra di toreros, si gioca Villarreal – Bayer Leverkusen. Gli spagnoli stanno vivendo una stagione esaltante, con un 4° posto in classifica che sembra ormai ottenuto ( a +8 dal Siviglia, attualmente 5°); il Leverkusen, al contrario, si ritrova all’8° posto in classifica generale, una stagione fino ad ora non esaltante, condita dall’eliminazione nei gironi di Champions per opera della Roma. Chissà che l’Europa League non possa dimostrarsi come un’opportunità di rilancio.
Infine, o come direbbero gli amici inglesi “last but not least”, scende in campo la storia con una partita che porta con sé quell’aura di mistico e glorioso che solo il calcio inglese sa regalarci. In due, 38 titoli di Inghilterra e 8 Coppe dei Campioni.
E’ Smiths contro Beatles. E’ classe operaia contro classe operaia. E’ Reds contro Red Devils. E’ la sfida senza fine tra 2 città così lontante ma allo stesso tempo vicine nel proprio senso di appartenenza verso i colori, la tradizione e la maglia che i giocatori indossano.
E’ Liverpool – Manchester United. Non ve la perdete.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Bologna corsaro a Marassi: 2-1 alla Sampdoria