Hamsik: “Era importante vincere, e l’abbiamo fatto”

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

marek-hamsik

Ieri Marek Hamsik, è stato insieme a Ghoulam il migliore in campo del Napoli. Ha trascinato la squadra alla vittoria col Chievo, partito in vantaggio, ed ha messo il piede in tutte e tre le azioni delle marcature azzurre. Poteva anche arrivare a quota 81 reti con la maglia del Napoli e raggiungere Diego Armando Maradona, l’eterna bandiera della squadra partenopea. Ma di tempo ce n’è a cominciare dalla prossima sfida al Barbera di Palermo contro i rosanero. E proprio dal suo sito ufficiale Marek Hamsik, ha ringraziato i tifosi, evidenziando anche l’importanza dei tre punti conquistati ieri, che però tengono ancora lontano il Napoli dalla Juventus vincente a Bergamo, con l’Atalanta per 0-2. “Questi tre punti valgono davvero tanto, era importante vincere e lo abbiamo dimostrato capovolgendo il risultato già al termine del primo tempo. Anche dopo l’intervallo abbiamo continuato a giocare come sappiamo e abbiamo meritato la vittoria”. Non bisogna quindi mollare per provare a mantenere l’obiettivo, che ad inizio stagione, non era previsto. Ieri, al San Paolo, non c’è stata la contestazione a De Laurentiis, forse perché, i gruppi della Curva B, che protestarono col Villarreal, sono rimasti soddisfatti.

Leggi anche:  Serie A femminile, questo fine settimana si disputa la nona giornata

La soddisfazione di Koulibaly: 

Kalidou Koulibaly, centrale difensivo del Napoli, ieri è stato il leader del reparto arretrato azzurro. Con l’assenza di Albiol, che solitamente, più esperto guida i compagni, il franco senegalese, si è distinto per correttezza, aggressività e precisione. E in un’intervista, ha evidenziato la sua gioia nei tre punti ritrovati, e nell’affetto dei tifosi azzurri, che hanno cantato a fine partita: “Abbiamo iniziato male, ma è stata una vittoria importante. Il mister ci sta aiutando tantissimo per non prendere gol in questo mese mese di marzo. Guardiamo la nostra strada, facciamo di tutto per vincere le nostre partite. Poi, succeda quel che deve succedere. Dobbiamo solo lavorare per rimanere più in alto possibile. Scudetto? Voglio vincerlo per i tifosi” .

L’importanza di Callejon

José Maria Callejon, è’ probabilmente l’uomo più importante dal punto di vista tattico del Napoli, per Maurizio Sarri. Torna, attacca, s’inserisce e lotta. Ed ultimamente ha ripreso anche a segnare. Nei primi due anni, a Napoli fu il vice Higuain. Nel 2016 ha realizzato 5 gol, riprendendo la sua normale media realizzativa. Sale a 43 gol in maglia azzurra. 31 in campionato e 12 in Europa. Mica male?

  •   
  •  
  •  
  •