Il Milan è in finale. 5 a 0 all’Alessandria. Doppio Menez e Romagnoli. Segna anche Balotelli

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui


Il Milan è in finale. 5 a 0 all’Alessandria. Doppio Menez e Romagnoli. Segna anche Balotelli

Era la partita della continuità ed del pregio per il Milan, mentre per l’Alessandria che già è nella storia poteva diventare un sogno. Difatti, mai una squadra di terza divisione ha raggiunto la finale di Coppa Italia.

Stadio Giuseppe Meazza San Siro Milano si sfidano Milan e Alessandria nella semifinale di ritorno di Tim Cup.
MILAN ALESSANDRIA
Era un dichiarato obiettivo per i rossoneri ed è stato centrato questo traguardo stagionale. Per i grigi dell’Alessandria che hanno invaso la casa del Milan è stato arrendersi con l’onore delle armi ma con tantissima soddisfazione per tutti. Gli uomini di Mihajlovic, infatti, in questa stagione non avendo nessuna competizione europea da difendere, rimane, oltre alla corsa per il terzo posto in campionato, da domani si punta ad alzare il trofeo tredici anni dopo l’ultima volta. I piemontesi del patron Di Masi, formazione di Lega Pro sognavano di completare l’impresa regalando ai tifosi la finalissima di Roma e purtroppo la corsa si è fermata a Milano.
Serviva veramente uno sforzo fuori da ogni logica del calcio per i ragazzi di Gregucci che, dopo aver battuto Palermo, Genoa e Spezia, all’andata si sono inchinati 1-0 al rigore di Balotelli all’Olimpico di Torino e questa sera nella gara di ritorno alla Scala del calcio di Milano. Nel calcio tutto è possibile certo, ma battere una squadra di due categorie superiore era decisamente dura, anche se il risultato dell’andata lasciava ancora qualche spiraglio. Occasione di conquistare il Meazza per i grigi si è fermata precisamente al minuto 24’ quando Romagnoli porta al doppio vantaggio il Milan. Continua dunque il buon momento di forma dei rossoneri, che dopo aver risalito posizioni su posizioni in campionato e reduce con questa vittoria di questa sera da 12 risultati utili consecutivi. Il tecnico serbo non ha avuto nè cali di tensione né tranelli dai suoi ragazzi nella semifinale così anomala con la partita interpretata bene con tanta corsa e impegno e concentrazione se si escludono i minuti iniziali.
STRISCIONILE FORMAZIONI:
MILAN (4-4-2): Abbiati, De Sciglio, Zapata, Romagnoli, Antonelli, Honda, Poli, Kucka, Bonaventura, Balotelli, Menez. A disposizione: Donnarumma, Livieri, Alex, Abate, Simic, Calabria, Mauri, Locatelli, Bertolacci, Crociata, Boateng, Bacca. Allenatore: S. Mihajlovic.
ALESSANDRIA (4-3-3): Vannucchi, Celjak, Morero, Sirri, Sabato,Nicco, Loviso, Branca, Marras, Fischnaller, Iocolano. A disposizione: Nordi, Sosa, Terigi, Sperotto, Guerriera, Mezavilla, Boniperti, Cittadino, Marconi, Picone, Vitofrancesco, Bocalon. Allenatore: A. Gregucci.

ARBITRO: Signor GUIDA

IL COMMENTO DELLA PARTITA IN UN MINUTO:
Qualificazione che si chiude già nel primo tempo, dopo i primi minuti iniziali che ha visto gli ospiti prendersi il palcoscenico di San Siro quando ABBIATI salva tutto su incursione di FISCHNALLER fallisce un’ottima occasione per portare in vantaggio l’Alessandria. Poi un monologo rossonero: minuto 21 rete del ritrovato MENEZ. Lancio di HONDA, che in piena area stoppa e con un diagonale vincente mette la palla alle spalle di Vannucchi. Quattro minuti dopo arriva la prima rete per ROMAGNOLI. Tutto nasce da corner di Bonaventura ma il merito va data a KUCKA che con un tap-in di sponda consegna la palla al difensore del Milan per il doppio vantaggio e chiude le speranze degli ospiti. Al 39’ arriva il terzo gol e la doppietta di MENEZ. Cross rasante di Poli e appoggio a porta vuota che chiude definitivamente le speranze dell’Alessandria. all’81’ arriva il quarto gol del Milan sempre con Romagonoli una fotocopia del secondo gol con un’altro inserimento vincente da corner. Infine, c’è gloria anche per uno spento Balotelli che allo scadere segna la quinta rete.

TABELLINO DI MILAN – ALESSANDRIA: 5 a 0. Le reti di Menenz 21’, Romagnoli 25’, Menenz 39’, Romagnoli 81′, Balotelli 89′

SOSTITUZIONI
José Mauri prende il posto di Kucka, fuori Bonaventura, dentro Boateng, Fuori Iocolano dentro Marconi, Fuori Loviso, dentro Mezavilla, Fuori Menenz dentro Bacca, Fuori Branca dentro Boccalon,

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Roma Parma streaming e diretta Tv Serie A