Insigne, l’uomo giusto per Conte

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Insigne-esulta-2
E pensare che con Conte, nelle convocazioni ad ottobre, non si guardava nemmeno più in faccia. Un piccolo problema al ginocchio, lo riportò a Napoli, ed il commissario tecnico della Nazionale rimase male. E per le restanti gare dell’Italia, tra Qualificazioni ad Euro 2016 ed amichevoli, Lorenzo Insigne, vide i match della Nazionale soltanto attraverso la tv. I media ed i giornali, in opposizione, volevano capire il perché. Sappiamo tutti che l’ex tecnico della Juve e prossimo manager del Chelsea vuole serietà. Ma Insigne, non se ne scappò. E con la sua esaltante stagione, col record di gol, e di assist in campionato raggiunti fino ad ora, non poteva restare ancora nella polvere. Ed ecco, che Conte, gli importanti appuntamenti di Spagna e Germania, l’ha riconvocato. E il talento del Napoli, non s’è fatto attendere. Ha cambiato, insieme all’ingresso di Bernardeschi e Zaza, l’attacco della Nazionale. Velocità, rapidità, ed imprevedibilità, pregi, che con il precedente trio, non è che erano stati molto evidenti, soprattutto con la staticità di Pellé, e la superficialità di Eder, che da quando è passato all’Inter, non ha più segnato. Come mai? Fatto sta, che in Italia, è solito esaltarsi, anche per un pareggio, per soli 45 minuti giocati alla grande. Intanto, l’Italia ha bisogno di gioventù, ed entusiasmo e con Insigne e Bernardeschi, uomini chiave per Napoli e Fiorentina, Conte può contare.

Insigne, secondo gol in Nazionale:
Lorenzo Insigne, ieri, ha fatto ammattire per 23 minuti, la difesa iberica. Soprattutto dal versante sinistro-centrale, con la sua velocità e voglia di dimostrare ad Antonio Conte, che lui ha voglia di esserci in Francia. Seconda realizzazione con l’altra maglia azzurra, quella dell’Italia quattro volte Campione del Mondo, ed una sola volta all’Europeo. Lorenzo, intanto, i due gol che ha fatto, ha colpito Argentina e Spagna. Mica male? Due delle migliori selezioni Mondiali, può continuare nel migliore dei modi la sua avventura, in un’Italia, che in questi anni, pecca un po’ di fantasia. Ieri nelle interviste post-gara, l’attaccante del Napoli, ha confermato, che con Conte, è tutto risolto. Quell’incomprensione di ottobre è passata, ed ora, la voglia di partecipare ad un torneo così importante è tanto grande, per rendere l’Italia, una delle sorprese dell’Europeo.

  •   
  •  
  •  
  •