Inter, Perisic: “Non voglio fermarmi più”

Pubblicato il autore: Fabrizio Caminiti Segui

perisic
Dopo la prestazione di sabato sera contro la Roma, l’Inter riacquista metaforicamente un giocatore fondamentale per la volata champions e per il futuro, Ivan Perisic. Il croato non sbaglia un colpo dalla partita con la Juve in coppa Italia. Da quel match rivelatore per i nerazzurri, Perisic va costantemente in gol ed in totale fanno 6 in campionato e 2 in coppa. Non si tratta solo ed unicamente dei gol anche perché l’ex Wolfsburg fornisce prestazioni da trascinatore facendo reparto da solo. Ricorda un pò Ibrahimovic per il modo di portare avanti il pallone e per la prestanza fisica, ma anche Cristiano Ronaldo quando propone il dribbling a rientrare sul destro e calciare.

TUTTI PAZZI DI IVAN –  Perisic già a fine mercato era particolarmente cercato da tante squadre inglesi e non. Il ragazzo rifiutò categoricamente un contratto di lusso offertogli dall’Everton e il compenso economico al Wolfsburg era molto elevato. Il club tedesco accettò la somma proposta ma il croato disse no poiché aspettava solo l’Inter. Anche il Chelsea sulle tracce di Ivan il terribile. Conte rimase stregato dal modo in cui abbina tecnica, velocità di gamba, corsa e tiro durante la partita dell’Italia giocata a San Siro contro i croati. Perisic segnò un gol da una delle sue zone preferite ma con la complicità di Buffon. Adesso l’ex tecnico della Juventus, appena approdato ai Blues tenta di strapparlo a tutti i costi ai nerazzurri. L’Inter dalla sue è tranquilla per un contratto importante firmato dal croato e la voglia di ricostruire un gruppo forte di cui Perisic farà parte.

Leggi anche:  Serie A, Sampdoria-Napoli: streaming e diretta tv DAZN o SKY?

LA POSIZIONE IN CAMPO – Perisic segna e fa segnare, complici le azioni gol del ragazzo. Assist contro Palermo ma anche il rigore procurato contro la Juve in coppa Italia. L’esterno d’attacco ha trovato la pace dei sensi, giocando nei tre alti e occupando tutta la zona esterna offensiva. Molto spesso Mancini gli chiede il sacrificio di ripiegare in difesa e gli riesce particolarmente bene. Ottimi anche i continui cambi di fronte che vanno a seminare il panico tra le maglie difensive avversarie. Quasi perfetto il feeling con Icardi e Ljajic in primis. Il tridente formato da loro è quello più spietato con cui l’Inter abbia mai giocato. Ljajic ha ripreso la forma con cui era esploso nel girone d’andata e Icardi continua a segnare come faceva la scorsa stagione. Perisic si sposa benissimo ed i tre si trovano a memoria. Con Palacio e Eder c’è ancora da oliare i meccanismi. Jovetic pare ormai l’escluso di lusso, complici anche i tormentati problemi muscolari.

Leggi anche:  Inter, prova di forza: adesso serve il salto anche in Europa

UN PO’ DI NUMERI – Dei 6 gol in campionato messi a segno da Perisic, 4 sono arrivati fuori casa, da questo si evince la sfrontatezza del ragazzo che non si lascia intimidire dai tifosi di casa e soprattutto segna anche da attaccante puro, come contro Palermo(andata e ritorno), Bologna e Juve. Tutti gol arrivati con un tocco solo. 2 sono i gol in coppa Italia, un pò pochini ma c’è l’attenuante che i nerazzurri non giocano in Europa quest’anno. Con i 4 gol in 4 match è il nuovo bomber di questo mini filotto e complice l’assenza di Icardi potrebbe incrementare il bottino avendo a disposizione una casella vuota per un altro paio di giornate almeno.

  •   
  •  
  •  
  •