Jesus: “Faremo di tutto per conquistare il terzo posto. Il più forte è Higuain”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

juan jesus

Il difensore nerazzurro Juan Jesus ha voluto interagire in primo piano con i tifosi dell’Inter attraverso la sua pagina Facebook. Il brasiliano ha risposto ad una serie di domande riguardanti varie tematiche, ecco le sue dichiarazioni:

PASTO – “Prima di giocare mangio pasta e pollo, così si rimane leggeri e non si corre il rischio di vomitare”.

ROMA – “Sarà una partita difficile, ma molto aperta. Non so ancora se giocherò, di sicuro andrà in campo chi starà meglio”.

CHAMPIONS LEAGUE – “Ci proveremo, anche se sarà dura. La matematica permette ancora di giocarsela, quindi faremo di tutto per conquistare il terzo posto”.

FUTURO – “Restare all’Inter a lungo? Se il club vorrà, certamente”.

IDOLO – “Quando ero più piccolo Lucio”.

RUOLO – “La cosa più importante è giocare e aiutare la squadra”.

VIDEOGAME – “Non gioco più a Fifa, ora uso un gioco di guerra”.

NAGATOMO – “Un grandissimo. Tranquillo e sempre in forma. Prima dell’allenamento fa yoga e arriva sempre prima di tutti. Sembra un pazzo…”.

BRASILE – “Non mi manca nulla. Inoltre, a livello politico in questo momento le cose sono abbastanza complicate, quindi meglio starne fuori”.

IL DIFENSORE – “Il migliore di tutti è sicuramente Samuel”.

L’ATTACCANTE – “Il più forte è Higuain. Segna sempre, è tosto ed è difficile da marcare e rincorrere”.

PERISIC – “Io lo chiamo Cristiano Perisic. Lui è troppo forte, un grandissimo”.

AVVERSARIO – “Il campo più difficile è quello della Juventus. Lo ‘Stadium’ è per loro un’arma in più”.

IBRAHIMOVIC – “Ha sempre vinto in tutti i posti in cui ha giocato, è troppo forte. Leggevo degli undici titoli nazionali vinti, è fortissimo”.

MOURINHO – “Un grande allenatore”.

SCUDETTO – “Chi vincerà? Difficile dirlo. Il Napoli è in forma, spero vincano loro”.

NUMERO UNO – “Il migliore di sempre, per me, resta Pelé, anche se gli argentini si arrabbieranno con me. Ma lui è stato il più grande. Spero che Neymar possa diventare ancora più forte”.

GOL – “Se dovessi segnare dedicherei la rete a me stesso, perché non ho ancora provato questa emozione”.

CAPITANO – “Aver indossato la fascia è stato un grande onore. Il ruolo di capitano è stato ricoperto da campioni assoluti come Zanetti, Cambiasso, Cordoba e Facchetti”.

SPOGLIATOIO – “Fa freddo (ride, ndr). Siamo tutti concentrati per la partita contro a Roma. Sarà difficile, ma ci stiamo preparando per fare il massimo”.

MIRANDA – “Posso imparare tante cose da lui. Ha esperienza e qualità, ma tutti possono imparare qualcosa di nuovo”.

HANDANOVIC – “Un grande, un vero professionista. Molto preciso, si alimenta bene ed è normale che sia uno dei più forti”.

ZANETTI – “Una delle figure più importanti dell’Inter, posso pensare solo cose belle di lui. Lavorava sempre sodo, è stato un grande professionista e posso imparare tante cose da Pupi“.

COPPA ITALIA – “La vittoria contro la Juventus è stata bella, peccato non ci abbia permesso di arrivare in finale. Si è però visto che, se siamo concentrati, è difficile batterci. Speriamo di continuare in questo momento positivo, così alla fine potremo raccogliere qualcosa di buono”.

JOVETIC – “Un giocatore fortissimo, spero possa tornare presto ad aiutarci. Abbiamo bisogno di lui”.

EDER – “Mi auguro si sblocchi, si allena alla grande ed è un bravo ragazzo. Merita il meglio”.

MANCINI – “Il mio rapporto con il mister? Tranquillo, prova sempre ad aiutarci e darci una mano. Siamo sereni”.

IL RICORDO – “Il momento migliore della mia carriera? Direi la stagione 2012-2013, ho giocato tanto e fatto bene. Spero però possano arrivare tante altre belle prestazioni”.

  •   
  •  
  •  
  •