La Figc blocca Ferrero: “Non può più essere il presidente della Samp”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

ferrero

Fulmine a ciel sereno alla Sampdoria. La squadra di Montella, reduce da due vittorie consecutive in campionato, sembra essersi rialzata e ora guarda con maggiore ottimismo a questo finale di campionato, con la speranza di lasciarsi definitivamente alle spalle la zona retrocessione e di risalire ulteriormente in classifica. Ora, però, i problemi ce li ha il suo presidente, Massimo Ferrero.

La presa di posizione è di quelle nette: Massimo Ferrero non può più essere il presidente della Sampdoria. Questo è il parere della Figc. Il motivo è preso detto: secondo la Figc, il patteggiamento con il Tribunale di Busto Arsizio che ha portato alla condanna di 1 anno e 10 mesi per il crac della compagnia aerea Livingston, non può più consentire a Ferrero di essere il presidente di un club.

L’articolo 22 delle Noif (le norme organizzative interne della Federazione), secondo la FIGC, è chiaro: un dirigente di società calcistica non può avere condanne di un certo tipo, quali un fallimento o una bancarotta, superiori ad un anno di pena.

Ferrero è a un bivio. Potrebbe passare il testimone alla figlia Vanessa o al nipote Giorgio. Ma Ferrero, prima di alzare bandiera bianca, vuole andare fino in fondo ed è pronto al ricorso. Nulla, in queste ore, riesce a scalfire il proverbiale buon umore e entusiasmo del numero uno della Samp. Ferrero oggi è apparso infatti sereno e ha dichiarato: ” Questa vicenda mi sembra sia un attacco a una persona pulita e semplice come me. Ma non non sono affatto preoccupato. La sentenza non è definitiva. Abbiamo presentato ricorso in Cassazione e presto tutta questa vicenda si risolverà a mio favore”.

In caso di vittoria del ricorso, Massimo Ferrero potrà ovviamente continuare ad essere il presidente della Sampdoria, con la speranza, per tutti i tifosi blucerchiati, che ai successi in tribunale corrispondano anche i successi sportivi di una squadra che sta pian piano ritrovando la sua identità.

Leggi anche:  Champions League, dove vedere Olympiakos-Manchester City streaming e diretta tv

Certo, questo contrattempo non ci voleva proprio. L’ambiente Samp aveva da poco ritrovato entusiasmo e serenità, dopo mesi assai agitati. La squadra, nonostante il cambio di allenatore (da Zenga a Montella) non riusciva a decollare. Poi, le due vittorie consecutive contro Frosinone e Verona, hanno fatto tornare il sorriso in casa Samp. Ora vuole tornare a sorridere anche Ferrero.

  •   
  •  
  •  
  •