Leicester, quando i gol scatenano un terremoto

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

goleicester
Che il Leicester avesse provocato un terremoto in questa Premier League lo si era capito già dalle prime giornate, quando le volpi di Claudio Ranieri riuscivano a inanellare una serie incredibile di risultati anche grazie alle grandi prestazioni delle rivelazioni Jamie Vardy (capocannoniere del campionato con 19 gol e 9 assist) e Riyad Mahrez (15 gol e 12 assist).
Quando gioca in casa al ‘King Power Stadium’, il Leicester può contare su un pubblico infuocato che ha fatto dello stadio ci casa un fortino inespugnabile: su 14 incontri domestici di Premier League i Foxes ne hanno vinti 8 (spicca il 2-0 sul Liverpool), con cinque pareggi (contro le due squadre di Manchester e il Tottenham) e una sola sconfitta (contro l’Arsenal).
Ma una delle vittorie più importanti è arrivata lo scorso 27 febbraio: a Leicester arriva il Norwich, che ha disperato bisogno di punti salvezza, mentre la squadra di Ranieri è alla ricerca di un successo che possa permettere di allungare sulle inseguitrici. La gara è tiratissima, al 78′ Ranieri toglie un terzino, Amartey, per un attaccante, l’argentino Leonardo Ulloa, per cercare di sbloccare il match. E a un minuto dallo scadere del  tempo regolamentare arriva il gol-vittoria: Drinkwater dalla destra mette un pallone al centro dell’area che Vardy sfiora appena con la punta del piede, ma ci pensa Ulloa a spingere il pallone in porta per il gol più facile della sua carriera, e forse anche quello più decisivo.
Un boato quasi esplosivo, quello del ‘King Power Stadium’, che ha fatto registrare una vera e propria scossa di terremoto. Secondo quanto riportato al Sun da Richard Hoyle, studente della facoltà di geologia dell’università di Leicester, in contemporanea al gol di Ulloa i sismografi avrebbero indicato una scossa di magnitudo 0.3 della scala Richter: “Abbiamo installato l’apparecchiatura in una scuola a 500 metri dallo stadio e analizzando i dati raccolti abbiamo notato grandi picchi sul sismogramma durante le partite. Abbiamo concluso che questi piccoli terremoti sono prodotti dal rilascio di energia improvvisa dei tifosi del Leicester che celebrano un gol segnato. Ora siamo curiosi di scoprire quale calciatore del Leicester genererà il più grande segnale sismico: noi abbiamo scommesso su Vardy“.

Leggi anche:  Se io fossi Maradona
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: