L’ex Pizarro boccia Pjanic e chiama Totti in Cile

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

pizarro Alla vigilia di Roma-Fiorentina, El Pek David Pizarro, ex di entrambe le squadre, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero. Il suo rapporto con la Roma, quello con Spalletti ed il caso Francesco Totti al centro del suo discorso. Ecco alcuni stralci dell’intervista uscita questa mattina sul noto quotidiano. “Luciano Spalletti ha modi duri, a Udine qualche volta ci litigai: tenevo troppo il pallone e mi sgridò in un modo secondo me sbagliato. Per questo me ne andai dall’allenamento“, ma il loro rapporto è stato sempre splendido, precisa Pizarro “c’è stima, sono affezionato a lui. Il suo pregio migliore? Cura ogni aspetto nel minimo dettaglio e tiene al gruppo in maniera totale. Con i calciatori, poi, si faceva sentire eccome: è uno che accumula e poi sbotta. Negli spogliatoi, a volte, volava qualsiasi cosa se si arrabbiava.” Ricorda il periodo giallorosso con molta nostalgia ed un pizzico di rammarico: “Abbiamo sfiorato l’impresa (stagione 2007-2008) e giocavano sempre gli stessi 13-14 giocatori. Contro l’Inter di adesso altro che scudetto.

Leggi anche:  Morte Maradona, dramma nel dramma: Diego Jr ricoverato per Covid non potrà salutare il papà

Pizarro, poi, parla degli attuali componenti del club capitolino: “E’ una squadra molto forte, ha degli ottimi centrocampisti: Keita, Nainggolan e Pjanic. Quest’ultimo è un grande giocatore ma nel ruolo di playmaker ci vuole tanta corsa, lui è più un trequartista e non mi sembra portato al sacrificio.” Soltanto uno può essere il suo erede: “Marco Verratti: ha visione di gioco e crea superiorità numerica con le sue giocate, sarebbe l’ideale per la Roma“.

La questione Totti sta riempendo le pagine dei giornali in questi giorni. Pizarro sà chi è il capitano giallorosso ed ha un consiglio da dargli: “Deve fare ciò che sente , lui è la Roma, anche in Cile non fanno altro che chiedermi di lui. Per la Roma ha rinunciato a vittorie certe in top team. Se gli togli quella maglia, gli togli un pezzo di se stesso.
Pizarro chiude sul big match tra Roma e Fiorentina: “Con quale maglia la giocherei? Amo Roma, ma a Firenze è nata la mia terza figlia. Per la corsa al terzo posto vedo meglio la Roma, ma la Fiorentina gioca benissimo ed ha il vantaggio di non avere più impegni nelle coppe europee.

  •   
  •  
  •  
  •