Mihajlovic: “Siamo tutti contenti, ora però testa al campionato”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

miha3

E’ un Sinisa Mihajlovic soddisfatto quello che si presenta in conferenza stampa nel post gara di Coppa Italia, dove il Milan ha battuto per 5 a 0 la povera Alessandria. Ecco i passaggi delle parole del serbo rilasciate ieri sera:

Sull’Alessandria: “Voglio fare i complimenti all’Alessandria, a Gregucci e ai tifosi grigi che hanno sostenuto per tutta la partita la loro squadra. Per noi oggi era fondamentale vincere, andare in finale e mettere minuti nelle gambe a coloro che hanno giocato meno. Conoscendo Gregucci sono convinto che raggiungerà gli obiettivi prefissati”.

Sulla finale: “Abbiamo raggiunto il nostro primo obiettivo. Quando giocheremo la finale proveremo a vincere anche il trofeo. Siamo tutti contenti, la Coppa Italia è sempre stato un nostro obiettivo. Ora però pensiamo al campionato”.

Su chi ha giocato meno: “Sono contento per Poli, lui è una garanzia perchè ha sempre l’atteggiamento giusto. Menez e Balotelli non sono ancora al massimo della condizione, solo giocando posso recuperare la loro condizione migliore. Per domenica ci devo ancora pensare, come atteggiamento sono contento, hanno dato il massimo”.

Leggi anche:  Bologna, Mihajlovic: "Così non andiamo da nessuna parte"

Sulla gara di Balotelli: “Per gli attaccanti segnare è importante, il gol dà sempre fiducia. Lui e Menez sono stati fuori a lungo, ora stanno bene. Da domani tornerà in gruppo Luiz Adriano”.

Ancora sulla finale: “Abbiati in porta? C’è ancora tempo, ci penseremo quando sarà il momento. Ora pensiamo solo al campionato. Chi in finale? Non lo so, a me non cambia chi vince domani. Se dovesse arrivare in finale la Juve e dovessero vincere anche il campionato, potremmo gicoarci poi anche la Supercoppa italiana”.

Su Gregucci: “Ci conosciamo da tanto, ci vediamo spesso anche in vacanza. Lo ringrazio per i complimenti, lo stimo molto”.

Su Josè Mauri: “Mi dispiace non averlo messo dall’inizio, ha fatto bene quando è entrato”.

Sul terzo posto: “Le prossime partite sono importanti se vinciamo visto che Fiorentina e Roma non possono vincere tutti e due. A Sassuolo non sarà facile, loro sono molto organizzati. Il Milan non ha mai vinto là, ma c’è sempre una prima volta…”.

Leggi anche:  San Paolo acceso tutta la notte in memoria di Diego Maradona

Su Menez: “Il miglior Menez non c’è ancora, non sta ancora bene fisicamente. L’anno scorso è stato il capocannoniere del Milan. Lui, Mario e Luiz saranno fondamentali per questo finale di stagione”.

  •   
  •  
  •  
  •