Napoli e Genoa, il gemellaggio più lungo d’Italia

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

napoli-genoa-gemellaggio
Domenica al San Paolo, si sfidano per la 31a giornata Napoli e Genoa, squadre che sul livello di classifica e tecnico, sono distanti. Con gli azzurri, che hanno il solo obiettivo di rincorrere la Juventus, e superarla, ed il Genoa, che con forza, volontà e tenacia, cerca di restare in serie A. Ma sappiamo, che quello che c’è di bello, e pacifico, è il pluri trentennale gemellaggio che c’è tra le due tifoserie. Una squadra del Nord, la più antica d’Italia, ed il Napoli, l’unico club del Meridione ad aver ottenuto un successo in Europa. Per il razzismo che comanda in queste generazioni, è un bel pugno nello stomaco, vedere due tifoserie rispettarsi e stare insieme senza problemi ed incidenti.

Come nacque il gemellaggio? 

La data risale al 16 maggio 1982, il Napoli di Rino Marchesi aveva ormai ipotecato il quarto posto e la conseguente qualificazione in Coppa Uefa, mentre i rossoblù erano in una disperata ricerca di punti, per garantirsi la salvezza nella massima serie. La partita si mise subito dalla parte degli ospiti ,che riuscirono ad andare in vantaggio nei primi minuti di gioco. Il Napoli aveva bisogno di un solo punto per garantirsi il piazzamento europeo, riuscì però a rifilare un micidiale uno due che gli permise di iniziare la seconda frazione di gioco in vantaggio. La diretta avversaria per la lotta salvezza dei liguri era il  Milan di Italo Galbiati, che intanto vinceva a Cesena. Dal vantaggio azzurro in poi, il popolo del San Paolo cominciò a tifare per il grifone, invitando i propri beniamini a subire gol. La rete per i rossoblù arrivò quasi a tempo scaduto, quando il portiere azzurro Castellini sbagliò, clamorosamente, una rimessa in gioco che favorì un calcio d’angolo per i genoani. Proprio grazie al cross, che scaturì da quel corner, l’ischitano Faccenda riuscì a segnare, permettendo la permanenza in serie A del Genoa e condannando, per la prima volta nella sua storia, il Milan alla serie B. I giocatori,  e la dirigenza del Genoa, capito il sostegno del pubblico del San Paolo, ringraziarono questo non frequente gesto, in cui s’è costruito questo affettuoso rapporto che dura da 34 anni. Ed anche nel 2007, le due squadre, poterono festeggiare insieme, la promozione in serie A, a Marassi, con uno 0-0 che si trasformò in una festosa invasione di campo di tifosi del Grifone, e bandiere azzurre, tornando insieme abbracciati nella massima serie.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Parma-Cosenza, streaming gratis e diretta tv RAI?
Tags: ,