Napoli: ritiro, mercato e striscioni offensivi

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

PontecagnanoIl Napoli, ieri, dopo la rifinitura di allenamento a Castelvolturno, riprenderà oggi gli allenamenti, in vista della gara di domenica pomeriggio delle 18.00 con il Genoa, reduce da due vittorie consecutive, che l’hanno allontanato di 7 punti, sulla zona retrocessione. Di certo non andrà a Napoli tranquillo, perché giocherà con i risultati delle avversarie dirette. Così come gli azzurri, che sapranno il risultato del derby della Mole, con una Juventus, che stasera all’Allianz Arena, tenterà il tutto, per accedere ai quarti di Champions League. Maurizio Sarri, però vuol guardare soltanto in casa sua, e come detto più volte, non segue le gare degli avversari. Il tecnico del Napoli, ha deciso, che da qui, fino alla fine del campionato, anche per le gare casalinghe degli azzurri, porterà i calciatori tutti in ritiro al centro di Castelvolturno, per trovare quella giusta concentrazione e rabbia, che nel mese di febbraio era un po’ sparita.

Calciomercato:
Ci sono novità, riguardo il calciomercato azzurro, soprattutto, per i rinnovi di calciatori, che in questa stagione si stanno dimostrando pezzi importanti per la squadra. Spuntano infatti i nomi di Raul Albiol, e José Maria Callejon.
Il difensore, qualche settimana fa, si diceva aveva già raggiunto l’accordo per un ritorno in Spagna, col Valencia, dove vinse Liga e Coppa Uefa. Invece, si sta trovando un accordo, per un ulteriore presenza col Napoli. Lo stesso vale per l’eclettico attaccante azzurro, che non sta segnando come le precedenti stagioni, ma sul piano tattico, è diventato un punto fermo per Maurizio Sarri. Inoltre, spunta voce, di una proposta alla Fiorentina, per Vecino. Pupillo di Sarri, che lo vorrebbe in squadra. Si propone uno scambio con la Fiorentina, più 10 milioni e Grassi, centrocampista mai utilizzato da gennaio.

Gesto Vergognoso a Pontecagnano:
A Pontecagnano, in provincia di Salerno, un Club Napoli, è stato assalito con sterco, e con uno striscione offensivo nei confronti dei napoletani che recitava anche frasi pungenti nei confronti di Maradona, sempre bersagliato sul piano della cocaina (come se fosse l’unico ad averla usata al mondo). “Noi non siamo napoletani, tu innamorato di un drogato, noi di Salerno, dal grembo materno”.  Anche in Campania, purtroppo, non c’è tanto rispetto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: