Napoli , Sarri tra il rinnovo e la trappola Genoa

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Sarri sitoL’eliminazione dalla Champions League della Juventus non è una buona notizia per il Napoli di Maurizio Sarri, gli azzurri sanno bene che ora il margine di errore nelle ultime 9 giornate di campionato è ridotto al minimo. JUVE SCHIACCIASASSI. Sarri sa benissimo che una squadra come la Juventus, che ha vinto 18 delle ultime 19 partite di campionato può anche essere capace di vincere tutte, o quasi, le ultime partite di campionato. In questo periodo si fa un a gran parlare del rinnovo del tecnico partenopeo , in scadenza a giugno, che sembra comunque ostentare tranquillità, forte dei grandi risultati raggiunti quest’anno dalla sua squadra. IL RINNOVO NON C’E ANCORA. Il presidente De Laurentiis, dal canto suo, ha più volte ricordato che un eventuale nuovo contratto con Sarri deve essere lui a firmarlo, ma non c’è alcuna fretta, visto che il finale di campionato è ancora tutto da scrivere. A Castel Volturno intanto si lavora per preparare la partita di domenica prossima contro il Genoa, altra tappa fondamentale nella corsa scudetto per il Napoli. TRE PUNTI POI LA SOSTA. Dopo l’impegno con il Grifone ci sarà l’ultima sosta di campionato della stagione e Sarri sa quanto è importante vivere due settimane di stop con una vittoria e tre punti nella testa dei giocatori. HIGUAIN NON PREOCCUPA.  Higuain ci sarà, la botta ricevuta in allenamento non preoccupa lo staff sanitario azzurro, il Pipita sarà al centro del tridente con Callejon e Insigne. La formazione iniziale dovrebbe essere quella più collaudata, anche se è piaciuto molto a Sarri l’ingresso di Mertens contro il Palermo, al posto di un Callejon un po’ in debito di ossigeno.GENOA IN RIPRESA.  Il Genoa di Gasperini è reduce da due vittorie consecutive interne contro Emopli e Torino, 6 punti che hanno permesso a Gasperini di tirarsi momentaneamente dalle sabbie mobili della classifica. I rossoblu sono sempre una squadra difficile da affrontare, come dimostra anche lo 0-0 dell’andata a Marassi, match dominato dal Napoli,che però non riuscì a trovare la via del gol. Gasperini dovrà fare a meno anche a Napoli del bomber Pavoletti e probabilmente si affiderà ad un attacco a tipico formato da due da scegliere tra Pandev, Suso e Cerci, con Matavz in panchina.OCCHIO ALLA ROMA. Tre punti assolutamente da conquistare per il Napoli, sia per teneri il passo della Juventus, ma anche per tenere a distanza la Roma di Luciano Spalletti, impegnata sabato sera in casa contro l’Inter. Questo tipo di partite sono risultato sempre piuttosto ostiche in questa stagione per il Napoli, la squadra di Sarri si esalta negli spazi, ma quando si trova a giocare contro difese chiuse fatica ad esprimere il suo gioco in maniera fluida. Sarri si affiderà nuovamente a Higuain, vero trascinatore del Napoli di quest’anno, lo scudetto passa inevitabilmente  per i piedi e gli umori del Pipita, unico vero insostituibile nello scacchiere azzurro.

  •   
  •  
  •  
  •