Germania Italia, Conte pensa a Bernardeschi-Zaza-Insigne

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

original
Pasqua di lavoro a Coverciano per la Nazionale di Antonio Conte, il c.t. sta preparando l’amichevole del prossimo 29 marzo con la Germania di Joachim Loew all’Allianz Arena. STESSO MODULO, UOMINI DIVERSI. Conte dovrebbe confermare lo stesso modulo, il 3-4-3, visto contro la Spagna del pareggio di Udine. Contro la Germania ci sarà qualche cambiamento a livello di uomini, sicuramente in attacco, dove dovrebbe esserci spazio per il debutto dal primo minuto con la maglia azzurra di Federico Bernardeschi. BERNA – ZAZA- INSIGNE. Al fianco del talento della Fiorentina ci sarà sicuramente Zaza, nel ruolo di centravanti al posto di Pellè. Per completare il tridente d’attacco ci dovrebbe essere Lorenzo Insigne, in gol contro le Furie Rosse, anche se Conte nelle prove a Coverciano sta alternando il folletto napoletano con Stephan El Shaarawy. Il trio Bernardeschi- Zaza- Insigne stuzzica non poco Conte , la partita contro la Germania sarà una specie di esame di maturità per questo attacco giovane, tecnico e di talento.DEBUTTA JORGINHO. A centrocampo ci potrebbe essere il debutto dal primo minuto di Jorginho, il regista del Napoli deve convincere il c.t. che può anche adattarsi ad un centrocampo a due, una disposizione diversa da quella disegnata per la squadra partenopea da Sarri. ACERBI IN DIFESA. In difesa, con Bonucci e Darmian, Acerbi prenderà il posto di Astori, un premio per la grande stagione sua e del Sassuolo di Di Francesco. Il muso lungo di questo giorni a Coverciano è quello di Eder, l’attaccante dell’Inter vede in netto calo le sue quotazioni azzurre. L’ex attaccante della Sampdoria non ha ancora segnato in maglia nerazzurra, la prova opaca contro la Spagna ha dimostrato il suo continuo netto calo fisico.
Martedì all’Allianz Arena l’Italia di Conte è chiamata a dare ulteriori conferme dopo la buona prova offerta contro la Spagna. I campioni del mondo non sembrano quelli invincibili del mondiale brasiliano vinto nel 2014, prova ne è la sconfitta a Berlino contro l’Inghilterra per 3 – 2.

  •   
  •  
  •  
  •