Sabato va in scena El Clasico: tutte le curiosità sulla sfida delle sfide

Pubblicato il autore: Fabrizio Caminiti Segui

Real Barça risultato live
Sabato 2 aprile andrà in scena il Clasico numero 264 della storia e la classifica non conta perché si tratta del terzo evento più importante dell’anno dopo la finale di Champions League e quindi del Clasico d’andata. Come il Super Bowl nel football ed il weekend dell’ All-Star Game in NBA, anche il Clasico va gustato ed assaporato passivi sul divano.

#ElCLASICO, I NUMERI –  Come anticipato si tratta del Clasico numero 264 della storia, la sfida in Liga è la numero 172 ed il Real Madrid ha portato a casa il bottino pieno ben 71 volte contro le 68 dei blaugrana. 32 i pareggi.

#ElCLASICO, I RECORD – Ancora il Real in vantaggio nei numeri, poiché Manuel Sanchis ex giocatore del Real detiene il record di presenze nel clasico, ben 43. L’ex Real in totale ha collezionato 500 maglie con le merengues dagli anni ’80 sino al 2001. Seguono Xavi e Gento fermi a 42 gettoni. Tra i ragazzi terribili che calcheranno il manto erboso del Camp Nou ci sarà Andrés Iniesta che sarà a sole 10 lunghezze dall’ex Barça Xavi.

#ElCLASICO, I GOL
– Un eufemismo sottolineare la bravura del piccolo genio dal talento impossibile, Lionel Messi. Si perché l’ex canterano ha messo a segno 21 reti in totale nella partita delle partite. Il 28enne argentino ha superato anche un mostro sacro come Di Stefano fermo a 18 che a Madrid di rado paragonano a qualunque altro campione e quasi mai menzionano, quasi fosse un Dio. A qualche metro dal paradiso si incontrano Raul e Cristiano Ronaldo fermi a 15. Il portoghese oltretutto ha voglia di rivalsa dopo i 4 gol subiti nel clasico d’andata.

#ElCLASICO, ALL’ANDATA – Al Bernabéu, il 21 novembre 2015 il Barcellona vinse in scioltezza calando un bel poker e gli autori furono Suarez (doppietta), Neymar (erede al trono di Messi) e proprio Iniesta, il giocatore tra i 22 con più presenze nel clasico.

#ElCLASICO, PROTAGONISTI A CONFRONTO 

Gareth Bale vs Neymar da Silva Santos Júnior – Sono loro alcuni dei protagonisti del clasico. Tutti e due erano ambiti sia da Barça che Real e per poco non facevano percorsi inversi. Neymar nel 2013 risultava il giocatore più cercato al mondo, oltre ad essere un fenomeno di tecnica e bellezza artistica del pallone. Andò al Barcellona per 86,2 milioni di euro, una cifra record. Perez non ci sta e mette a segno un colpo altrettanto stellare, Gareth Bale. Il giocatore al momento più veloce sulla fascia tanto che esperti del settore gli consigliarono in gioventù di fare atletica. Bale è ancora oggi il giocatore più pagato nella storia del calcio, ben 101 milioni di euroGareth Bale conclude la prima stagione segnando 22 gol in 44 partite mentre il brasiliano chiude l’annata con l’impressionante score di 39 gol in 51 presenze.

Sergio Ramos vs Mascherano –  Forse i due centrali difensivi più bravi al mondo o comunque tra i più bravi. Possono giocare anche in mediana, glielo consentono la duttilità, l’abilità nel palleggio e la visione di gioco. Ma è al centro della difesa che esprimono al meglio il loro potenziale. Su 59 contrasti effettuati, Mascherano ne ha vinti il 71%. Sergio Ramos, invece, ha il 69% di contrasti vinti su 26. Lo spagnolo si rifà con il 73% di successo nei duelli aerei contro il 61% dell’argentino. Quarantotto Classici in due: 31 Sergio Ramos, 17 Mascherano. Lo spagnolo ha un bilancio di 10 vittorie, 6 pareggi e 15 sconfitte (17 contando le due rimediate con il Siviglia), l’argentino di 7 successi (9 considerando anche i precedenti ai tempi del Liverpool), 4 pareggi e 6 sconfitte. Il primo ha segnato 3 gol e sfornato 2 assist, il secondo ha vestito solo una volta i panni dell’assistman.

Modric vs Rakitic – Talento al servizio della logica. Sono loro i registi e motori delle due formazioni. L’unica differenza è la posizione ed i compiti che assumono. Mentre Modric si preoccupa di impostare il gioco da dietro e alle volte fa da interditore, Rakitic è specializzato nell’ultimo passaggio, ovvero un mix tra un “10” puro ed un trequartista. Rakitic ha rimediato un leggero infortunio al polpaccio in Nazionale e Luis Enrique non sa ancora se recupererà del tutto. Modric invece  s’appresta a raggiungere la doppia cifra, quello del 2 aprile sarà per lui il decimo Clasico in carriera. Il bilancio del croato madrileno è di 4 vittorie, 1 pareggio e 4 sconfitte. Il croato ex Siviglia potrebbe invece calare il poker, nei tre precedenti contro i Blancos ha ottenuto 2 vittorie e 1 pareggio.

  •   
  •  
  •  
  •