Salernitana, Menichini: “Vincere per salire sul treno per la salvezza”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

menichini salernitana

Salernitana che prova la rincorsa alla salvezza grazie al successo di Cesena in pieno recupero. Domani avrà di fronte all’Arechi il Lanciano in una vera gara per non retrocedere, oggi ne ha parlato il tecnico dei campani Menichini in conferenza stampa. Ecco il suo pensiero: “Provo più cose, perché voglio vedere se qualche giocatore è in grado di poter fare cose diverse dalle sue abitudini: è il caso di Tounkara, che considero adatto anche per fare l’esterno, se no non l’avrei provato. Comunque deciderò domattina. Abbiamo qualche problema sugli esterni per le assenze di Zito e Ikonomidis, ma potrei anche utilizzare Rossi e Franco tutti e due a sinistra. Il nostro modulo è il 4-4-2, così abbiamo trovato certi equilibri ma non escludiamo di cambiare un po’ anche le carte in tavola: sto valutando anche in base a quello che può succedere a gara in corso. È chiaro che rispetto al Lanciano abbiamo due giorni in meno di recupero ma la testa muove le gambe. La squadra ha recuperato bene, per domani dovremmo essere a un buonissimo livello”. Su cosa è cambiato dopo la vittoria di Lunedì: “La vittoria di Cesena ha avuto un impatto positivo sull’umore del gruppo anche se non c’è stato il tempo per godercela: dovevamo subito rimetterci al lavoro in vista del Lanciano, che considero una formazione in salute. Sarà fondamentale avere pazienza contro questa squadra, dovremo far capire ai nostri avversari che giochiamo in casa, sostenuti da un grande pubblico. Dalla contestazione siamo passati all’esaltazione, e la cosa che conta è che i giocatori sappiano che bastano novanta minuti per passare nuovamente alla contestazione, quindi dobbiamo stare attenti. Sappiamo che vincendo possiamo fare un bel balzo in avanti in classifica in modo di salire sul treno per la salvezza, ma se non diamo continuità alla gara di Cesena quella diventa fine a sé stessa”. Sui calciatori: “Nalini sta allenandosi, sta crescendo. Non può trovare la migliore condizione in poco tempo, ma non sente dolore e dobbiamo recuperarlo facendolo giocare. Empereur non c’è perché ieri ha preso una botta alla schiena, sembrava arruolabile ma oggi non si è allenato, quindi non l’ho potuto includere nella lista. Tuia è recuperato ma deve trovare la migliore condizione così come Rossi e Nalini”. Un pensiero su Pollace: “Lo reputo un buon giocatore ma non lo conosco tantissimo. In questo momento serve un pizzico di esperienza in più. Fossimo in un’altra posizione di classifica lo proverei, e mettere un ragazzo in una situazione del genere non sarebbe giusto. In seguito potrei dargli spazio, ma avendo Ceccarelli, Colombo e Tuia in quel ruolo…”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  10 Giornata, Dove vedere Juventus - Torino diretta tv e streaming