Serie B, l’Avellino cambia, via Tesser ecco Marcolin

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

tesser-avellinoNuovo cambio in panchina in Serie B, l’Avellino esonera Attilio Tesser e si affida a Dario Marcolin, fatale per Tesser la sconfitta contro la Ternana, sua ex squadra. TESSER IN BILICO DA TEMPO. Il presidente avellinese Taccone era già insoddisfatto da qualche settimana del rendimento della squadra biancoverde, in deciso calo nell’ultimo mese. La sconfitta interna contro la Ternana ha convinto del tutto il massimo dirigente irpino ad effettuare il cambio in panchina. RIGORE MALEDETTO. La sconfitta contro la Ternana ha avuto anche una buona componente di sfortuna, il match infatti poteva prendere un’altra piega se Castaldo non avesse fallito un rigore allo scadere del primo tempo. Nella ripresa poi la doppietta di Ceravolo ha sancito la quarta sconfitta dell’Avellino nelle ultime cinque giornate di campionato. I biancoverdi sono in una situazione di classifica con una margine rassicurante sulla zona calda, +9 sulla Pro Vercelli quint’ultima. PLAYOFF ANCORA POSSIBILI. La zona playoff, obiettivo stagionale per l’Avellino dista invece 6 punti, distanza ancora colmabile, ma serve un deciso cambio di rotta per i Lupi. Tesser paga un rendimento difensivo deficitario, decisamente troppi i 46 gol subiti per una squadra, che fino alla passata stagione, faceva dell’imperforabilità difensiva una delle sue migliori qualità. Una squadra, quella biancoverde, che negli anni passati poteva contare su elementi di valore, che oggi giocano stabilmente in Serie A come Zappacosta, Izzo e Rodrigo Ely. Come sempre le colpe della non brillante stagione dell’Avellino vanno anche a chi ha costruito questa squadra.
SABATO C’E’ IL CROTONE. Primo allenamento nel pomeriggio per  Marcolin, per lui si parla di un contratto fino a fine stagione, con rinnovo automatico in caso di raggiungimento dei playoff. Per l’ex allenatore del Catania ci sarà subito un debutto da brividi, sabato prossimo infatti al Partenio – Lomabardi arriva la capolista Crotone. I rossoblu di Juric marciano spediti verso la Serie A e saranno un ostacolo durissimo per Castaldo e compagni. L’Avellino contro i calabresi deve assolutamente reagire, mancano dieci giornate alla fine della regular season, due mesi  per agganciare il treno playoff, il treno dei desideri su cui proveranno a  salire anche i lupi biancoverdi con Marcolin in panchina.

Leggi anche:  Maradona, omaggio del PSG, ma Icardi scatena la polemica
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: